Ogni sistema elettorale è stato costruito in prossimità delle elezioni per favorire le parti politiche interessate. È necessario invece tener conto delle effettive esigenze di stabilità e rappresentatività che la legge elettorale deve offrire. Fermo il principio costituzionale dell’assenza di vincolo di mandato, occorre innanzitutto modificare i regolamenti parlamentari per evitare che l’uscita dal gruppo di appartenenza possa consentire di formare nuovi gruppi politici. L’eletto non si dimette ma rimane soltanto per la legislatura nel gruppo misto come indipendente. Il sistema elettorale deve essere improntato al modello presente in molte regioni con la possibilità di esprimere le preferenze nelle liste nei collegi ed un premio di maggioranza collegato ad un listino bloccato affinché gli elettori possano conoscere immediatamente il nome del Presidente del Consiglio proposto (ferme le prerogative del Capo dello Stato) ed i candidati eletti nelle liste a sostegno assieme a coloro che sono stati inseriti nel listino di riferimento.