BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 24 agosto 2018

L’Ucraina e il problema del conflitto militare

Il conflitto militare in Ucraina dura già da quattro anni. Anche da più di quattro anni continuano le  discussioni in Occidente per mandare o non mandare le forze militari internazionali per una operazione di pace.




Guerra, non semplice scontro militare e civile?



Ricordiamo che nel 2014 in Ucraina Orientale (i territori al confine con la Russia) truppe irregolari russe non marcate  invasero le due regioni ucraine di Donbass. Insieme ai gruppi terroristici locali hanno occupato parte di Luhansk e Donetsk (Donbass) proclamando le 2 Repubbliche Popolari. Da allora fino ad oggi ci sono ostilità e caos in questi territori. A poco a poco, però, il tema della guerra in Ucraina scompare con il discorso delle informazioni internazionali. I media russi che usano la propaganda cercando di convincere il mondo che in Ucraina vi sia un conflitto civile. In particolare, si oppongono alle missioni di mantenimento della pace. Tuttavia, un certo numero di organizzazioni internazionali hanno ripetutamente confermato che non si sta discutendo alcun confronto civile. Il conflitto militare è riscaldato dalle forze russe con la iniezione sia umana che permanente di fondi per l’acquisto di armi, attrezzature e cibo per i militanti locali. Questo, in particolare, è indicato nelle relazioni della missione speciale di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina.



Inoltre, non dimentichiamo il fattore geopolitico: la conservazione di un “conflitto congelato” sul territorio dell’Ucraina. Questo è un modo conveniente per aumentare l’instabilità interna nel paese e creare barriere per lo sviluppo e l’integrazione euro-atlantica. La quantità delle  vittime secondo il capo missione di vigilanza delle Nazioni Unite sui diritti umani in Ucraina Fiona Fraser (a partire dal 2017) per tutto il tempo del conflitto su Donbas ammonta a 9940 persone morte con 23455 feriti. Anche nell’ufficio delle Nazioni Unite il coordinamento delle missioni umanitarie ha riferito che a causa del conflitto armato su Donbass si sono trovate in difficoltà più di 3,4 milioni di persone. Più di mezzo milione di persone sono state costrette a emigrare. Esse sono stati costrette a lasciare la loro casa, lavoro, famiglia. Da valutazioni approssimative di esperti internazionali, 600 mila persone, compresi 100mila bambini che vivono entro 10 chilometri dalla “linea di distensione” – sotto le quotidiane esplosioni e suoni di artiglieria militare. Tra territori Ucraini e parte non controllata dal governo Ucraino  c’è una sorta di frontiera – una linea separazione. Centinaia di migliaia di persone che vivono in territori occupati sono costretti ad attraversare regolarmente questa linea al fine di ottenere il necessario: prestazioni sociali, pensioni, cibo, medicine e altri prodotti. Ogni giorno una lotta per la vita. Dal 2014 a seguito di esplosione di mine e esplosivi sono morti o sono stati paralizzati più di 1800 fra uomini, donne e bambini. Nella Regione occupata vi è mancanza di farmaci e medici. Più di 600mila anziani hanno perso i servizi sociali e per prendere la pensione ucraina sono costretti a viaggiare attraverso la linea di separazione e ovviamente si ritrovarono ai limiti della sopravvivenza.



C’è bisogno di altri argomenti per la pace?



Le principali condizioni per l’introduzione della missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite.

È possibile l’introduzione di mantenimento della missione di pace iniziando le operazioni a partire da oggi. Però la missione militare di pace include non solo l’obbligatorio fermo del conflitto, ma anche il consenso di tutte le parti in conflitto – vale a dire, delle auto-proclamate repubbliche, senza dimenticare la procedura di decisione per mandare le truppe internazionali di pace, e il ruolo in questo processo della Russia. La Russia come membro permanente di sicurezza del Consiglio delle Nazioni Unite sarà in grado di garantire l’impatto sulla formazione del mandato di definizione della sua parte, ma cosi come vuole la Russia per vantaggi dei suoi interessi e comodità. Se rimane lo stesso livello di gioco diplomatico da parte della Ucraina e della Russia come oggi, con buona probabilità si può prevedere che la forza di pace sarà un modo per legittimare la presenza dei soldati russi in Donbass.

Il numero dei militari per  mantenere la sicurezza a Donbass può risolvere solo un gran numero di forze di pace – a partire da 40mila di cui militari e civili per vari servizi. La realtà è che attualmente non tutti i paesi sono pronti a partecipare a questa missione che in realtà è molto costosa che può essere una grande sfida per le Nazioni Unite, per la quali sono richiesti sforzi considerevoli. Il budget annuale per il mantenimento della pace nel bilancio delle Nazioni Unite è più di $ 8 miliardi di dollari., Che è anche il minimo di bilancio efficace per il mantenimento della pace con operazioni in Ucraina per raggiungere diversi miliardi di dollari ogni anno. Se sono pronti stati occidentali a spendere soldi sulla pace in Ucraina – una domanda, in cui ognuno di noi deve dare una onesta risposta. Per adesso  il mantenimento della pace in Ucraina su base del Accordo a Minsk che in realtà  non ha portato tranquillità  ed è stato  fatto solo per trasferire il  conflitto ad alta intensità in una fase a bassa intensità. Pertanto, l’unico strumento internazionale è il mantenimento della pace chiedendo un supporto all’ONU. L’Ucraina non ha alcuna alternativa, tranne che utilizzare in modo attivo tutti gli strumenti della carta dell’ONU per la pace. 


C’è una tale consolidata posizione in occidente sul problema Ucraina? Questo è una più dolorosa domanda, su cui milioni di ucraini, tutti coloro che combattono per la vita, per la virtù europea, perdendo le loro  famiglie, amici, colleghi. 

0 commenti:

Posta un commento