BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 14 agosto 2018

#Genova. Quella del viadotto Polcevera è una tragedia annunciata

Il viadotto Polcevera dell’autostrada A10 crollato oggi, chiamato ponte anche ponte Morandi, attraversa il torrente Polcevera, a Genova, tra i quartieri di Sampierdarena e Cornigliano. Progettato dall’ingegnere Riccardo Morandi, è stato costruito tra il 1963 e il 1967 dalla Società Italiana per Condotte d’Acqua.


Autostrade per l’Italia, controllata di Atlantia (Gruppo Benetton, ndr) e società che ha in concessione il tratto della A10 da Savona a Genova, aveva indetto nei mesi scorsi un bando di gara per “interventi di retrofitting strutturale del viadotto Polcevera (noto anche come ponte Morandi, ndr).

Secondo quanto ha potuto verificare l’agenzia Radiocor (Sole 24 Ore, ndr), il bando porta la data del 28 aprile 2018 e prevedeva una procedura ristretta con l’11 giugno scorso come termine ultimo per la presentazione delle offerte. Si trattava di una procedura di pre-qualifica, a valle della quale Autostrade per l’Italia aveva invitato nelle scorse settimane varie aziende a partecipare alla gara vera e propria, che si sarebbe conclusa a fine settembre.

L’importo dell’appalto era pari a 20,15 milioni di euro circa, di cui 14,7 milioni “per lavori parte a corpo e parte a misura” e 5,4 milioni “per oneri di sicurezza non soggetti al ribasso” con termine di esecuzione a 784 giorni dall’aggiudicazione dell’appalto.

Gli interventi di adeguamento del viadotto crollato oggi, definito come un’opera strategica,  prevedevano “il rinforzo degli stralli di pila numero 9 e 10 poiché quelli di pila 11 sono stati oggetto di rinforzo già negli anni 90”, si legge nel bando. Le pile, tecnicamente parlando, sono le strutture portanti verticali che sorreggono le arcate di un ponte. L’intervento doveva consistere nella “disposizione di nuovi cavi esterni che vanno dal traversone dell’impalcato fino alla sommità delle antenne” del ponte.

Le tre campate principali del ponte sono quelle necessarie per superare il torrente Polcevera, il parco ferroviario e alcune importanti arterie viarie cittadine – si spiega ancora nel bando – sono state realizzate con il sistema bilanciato, il cui impalcato è sostenuto da tiranti di cemento armato precompresso, denominati appunto stralli, che partono dalla sommità delle antenne. L’intervento di adeguamento strutturale (retrofitting) interessava proprio la zona a sistema bilanciato e in particolare gli stralli 9 e 10. Il crollo di oggi ha coinvolto anche la pila numero 9.

Ma sul pessimo stato della sicurezza del viadotto Morandi o Polcevera, due anni fa era stata presentata al Ministero delle Infrastrutture (ministro Derlrio, ndr) una interrogazione parlamentare al Senato. L’interrogazione al Senato del sen. Maurizio Rossi (Lista Civica, nonché presidente di Primcanale) presentata il 28 aprile 2016 segnalava che:

“il viadotto Polcevera dell’autostrada A10, chiamato ponte Morandi, è una imponente realizzazione lunga 1.182 metri, costituita su 3 piloni in cemento armato che raggiungono i 90 metri di altezza che collega l’autostrada Genova – Milano al tratto Genova – Ventimiglia, attraversando la città sulla Val Polcevera;

– recentemente, il ponte è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un’opera straordinaria di manutenzione senza la quale è concreto il rischio di una sua chiusura;

– se non si predispone immediatamente una nuova strategia stradale di più ampio respiro del capoluogo ligure, i mancati lavori di realizzazione della Gronda, sommati alla possibile futura chiusura totale o parziale del Ponte Morandi, determinerebbero inevitabilmente il collasso dell’intero sistema viario genovese;

In un altro passaggio, l’interrogazione parlamentare segnalava come le sollecitazioni alla messa in sicurezza venissero continuamente rinviate dalla Società Autostrade con il pretesto che gli enti locali chiedevano la priorità per altri lavori autostradali:

“quali garanzie di realizzazione dei lavori siano state presentate dalla Società Autostrade in considerazione anche del fatto che, negli anni, le continue richieste di modifiche e inserimenti di nuovi tratti autostradali da parte degli enti locali liguri, spesso sono stati causa/motivo/alibi per il concessionario autostradale per non iniziare neppure l’opera principale;

– stante la richiesta di proroga della concessione se la Società Autostrade ritiene di mettere a norma di sicurezza, secondo gli standard europei, la rete autostradale ligure, con particolare riguardo proprio al tratto tra Voltri e Genova che comprende l’uscita per l’Aeroporto e il Ponte Morandi ad oggi fuori dalle normative comunitarie così come altre parti delle autostrade liguri;

– il dettaglio della attuale situazione dei lavori di messa in sicurezza del Ponte Morandi, gli interventi che ancora devono essere realizzati, se gli interventi saranno tali da comportare gravi disagi alla circolazione della città e la tempistica di fine lavori;

– se corrisponda al vero che il Ponte Morandi, viste le attuali condizioni di criticità, potrebbe venir chiuso, almeno al traffico pesante, entro pochi anni gettando la città nel totale caos”.

Dunque è dal 2016 che l’allarme sul viadotto Polcevera era suonato chiaro e forte ma solo nell’aprile 2018 la società concessionaria dell’autostrada (Atlantia) si era decisa a fare il bando per la manutenzione. Troppo tardi.

0 commenti:

Posta un commento