BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 5 giugno 2018

#fiduciaconte #5giugno #giornatamondialedellambiente, VENNE IL GIORNO....

Con la consapevolezza di conoscere il nemico per resistere, bisogna guardare al nuovo governo grillin-leghista, che di fatto azzera la vecchia “classe politica”. Una tentazione che va evitata come la peste è pensare che sia fatto solo di deficienti-ignoranti (che pure non scarseggiano…), incapaci di elaborare una strategia vincente. Intanto perché hanno vinto, fin qui. Dunque, nemici odiosi sì, ma proprio fessi non sono.


Certo, fare opposizione gridando e strepitando è più facile che governare un paese grande e complicato. Ma non scommetteremmo – come fa il Pd e il sistema mediatico più legato all’establishment – in una rapida disfatta di un’alleanza fondata su interessi, prima che su “valori”.

Per non cadere, debbono avere una strategia. E quella sommariamente esposta dall’economista Giulio Sapelli – quello che per un giorno era stato indicato addirittura come primo ministro – è abbastanza chiara.

Il punto di partenza è una presa d’atto: “nessuno dei punti qualificanti del governo Conte può reggersi con i vincoli di bilancio eurocratici esistenti, che debbono essere superati per creare crescita”. Proprio come spiegano ogni giorno Corriere, Repubblica, Sole24Ore, ecc. Dov’è allora la differenza nelle conseguenze pratiche? Nel fatto che Sapelli (e il governo) puntano esplicitamente a violare alcuni vincoli “eurocratici” per potersi garantire le risorse per investimenti pubblici, senza i quali ogni ipotesi di crescita economica sarebbe un sogno anche in tempi non critici.

E questi sono tempi, invece, in cui i “cigni neri” – eventi con un forte impatto sistemico, ma assolutamente sorprendenti – si vanno moltiplicando all’orizzonte senza che nessuno, in questo paese, sembri preoccuparsene. Un breve elenco per capirne la portata: il prezzo del petrolio in forte e continuo rialzo, rischio di guerra commerciale USA-UE, aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve (con conseguente aumento del differenziale tra i tassi applicati dalla BCE rispetto alla FED), fine del quantitative easing della BCE (con effetti sui titoli di stato e le sofferenze bancarie), uscita della Gran Bretagna dal Mercato Unico Europeo senza un accordo complessivo, ecc.

Ognuno di questi eventi in gestazione ha da solo la forza per scuotere l’edificio europeo, fin qui costruito ignorando volutamente il consenso popolare, visto semmai come un elemento di disturbo (W. Schaeuble: “non si può assolutamente permettere ad un’elezione di cambiare nulla. Perché abbiamo elezioni ogni giorno, siamo in 19, se ogni volta che c’è una elezione e qualcosa è cambiato, i contratti tra noi non significherebbero nulla”). Peggio ancora, ognuno di questi eventi metterebbe in moto alcuni o tutti gli altri, oltre a quelli fin qui neanche ipotizzati.

La strategia consigliata da Sapelli per affrontare le possibili tempeste è a suo modo classica, al di là dei termini usati: impugnare subito la bandiera di un “patriottismo laburista”. Ovvero un mix di nazionalismo economico e recupero di un “patto sociale” che coinvolga almeno parte dei lavoratori dipendenti. Contando sul fatto che la ex sedicente “sinistra” si è autocondannata a morte identificandosi con l’Unione Europea, dipinta per un ventennio come il paradiso liberale che ci avrebbe liberato delle vecchie tare nazionali (Berlusconi, corruzione, menefreghismo, evasione fiscale, furbizie idiote, ecc) e che invece si è dimostrata un sistema malfunzionante, al servizio dei paesi e delle multinazionali più forti, creatrice di disuguaglianze crescenti, impoverimento di massa, distruzione del welfare.

Nulla di nuovo, anche se forse sorprendente per chi ha una visione solo ideologica del fascismo, che invece ebbe il suo momento di gloria distruggendo militarmente il movimento operaio organizzato e “comprando” il consenso popolare necessario a far funzionare una macchina dell’accumulazione altrimenti troppo debole in confronto ai competitori europei. Qui di manganellatori non ce n’è quasi più bisogno (“la sinistra” lo fa da sola…), ma il secondo elemento va messo in campo lo stesso.

Al di là delle sparate propagandistiche, insomma, gli interessi sociali dominanti nell’alleanza grillin-leghista sono quelli della piccola e media impresa, quella che ha il suo business – e dunque l’orizzonte – quasi completamente nel mercato interno. Un settore che ha chiesto per decenni, ottenendoli, incentivi, smantellamento del mercato del lavoro e delle garanzie legali, contratti precari e temporanei, deflazione salariale. Ma che a un certo punto ha “scoperto” (come i reazionari quando il sasso sollevato cade loro sui piedi) di non avere quasi più un mercato su cui vendere la propria produzione. E dunque rincula, cercando una formula capace di barattare – alle proprie condizioni, ovvio – qualche margine di salario in più con il consenso a un nuovo modello politico-sociale. In cui, fra l’altro, il ruolo di esercito salariale di riserva eliminabile nelle fasi di “bassa crescita” è svolto dai lavoratori migranti.

La strategia sapelliana conta soprattutto sulla divaricazione crescente tra Stati Uniti e Germania (di conseguenza, tutta la Ue), che consentirebbe a questo governo di giocare spregiudicatamente su due tavoli: come fedelissimo membro della Nato punterebbe ad ottenere condizioni di maggior vantaggio nella ridiscussione dei trattati dell’Unione. Non è insensato, in astratto, ma certo il margine di rischio è per un verso amplissimo (gli Usa di Trump vogliono trattare con ogni paese separatamente, per massimizzare i propri interessi, e non è detto che l’Italietta grillin-leghista possa spuntare condizioni migliori); per l’altro è un bastone negli ingranaggi già sofferenti dell’Unione a trazione tedesca.

Sottolineiamo questi dati per avvertire che non sarà possibile fare un’opposizione vincente a questo governo se ci si limita solo a condannarne i tratti più apertamente fascisti, razzisti, ecc. Questi tratti, purtroppo, non sono più percepiti come un problema repellente da buona parte della popolazione, compresa una larga fascia del nostro stesso blocco sociale. E’ gravissimo, ma è così. Meglio saperlo…

E tantomeno sarà vincente un’opposizione – tipo quella da LeU e Pd – incentrata su un mix di chiacchiere finto-antifasciste e critiche sulla “tenuta dei conti”, in perfetto stile brussellese, con effetti involontaramente comici (quanti voti si potranno recuperare opponendosi alla “riforma della Fornero” in nome del pareggio di bilancio?). Sarebbe insomma da pazzi schierarsi con il grande capitale finanziario e multinazionale nell’illusione di combattere meglio quello più sfigato di casa nostra (la brace o la padella non sono mai una vera alternativa).

La strada della costruzione di un’opposizione sociale vincente si dovrà misurare sugli atti di questo governo. Che dovrà fare alcune cose molto simboliche (“ritoccare” la Fornero, attenuare qualche norma del Jobs Act, ridurre qualche cartella esattoriale, estendere il reddito di inclusione, fissare una soglia – bassa – per il salario orario minimo, ecc) per darsi una sverniciata di “labourismo”. E quindi sarà decisivo saper entrare nel merito, sbugiardare nei dettagli ogni singola misura, segnalare il vantaggio abissale concesso ancora una volta alle imprese e ai più ricchi (la flat tax, per cominciare) mentre giusto qualche briciola viene data in pasto ai gonzi.

Sarà durissima e richiederà un enorme lavoro sociale, tra la gente, sui problemi concreti (casa, reddito, pensioni, sanità, lavoro, scuola e università, ecc). Ma non ci sono scorciatoie. Ci potranno essere gli effetti di qualche “cigno nero”, che spesso aprono crepe vistose anche nei muri apparentemente più solidi. E bisognerà saper cogliere quelle occasioni.

0 commenti:

Posta un commento