BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

mercoledì 30 maggio 2018

Governo , interrogativi sulle reali motivazioni del flop.

L’atteggiamento di queste ore da parte del Quirinale, in merito al rigetto di nominare un Ministro del costituendo Governo M5S – Lega. Il fatto ha determinato, negli effetti pratici,il fallimento del nuovo Esecutivo, o meglio, ha sancito l’enorme difficoltà da parte delle due forze partitiche, a dar vita a un Governo. Lo dico da persona che non solo non ha votato una delle due formazioni, ma che ha dato la propria fiducia a un Partito – Potere al Popolo – che nemmeno è riuscito a entrare nell’emiciclo. Dunque, la mia domanda è prettamente “istituzionale” e vuole lanciare, semmai, il dubbio sul ruolo ancillare che l’Italia incarna all’interno della cosiddetta Unione Europea, un concetto, questo, che rimaniamo in attesa di conoscere meglio se non, solo e unicamente, per gli aspetti economici e finanziari che rappresenta, per gli intrecci di potere, per le torbide acque che gestisce. Ovvero per tutto quello che ha a che fare con i grandi interessi e non – come si vorrebbe far credere – con la tutela dei diritti dei cittadini, dei popoli. Su questo Governo mai nato, i dubbi sono stati moltissimi. Così come le preoccupazioni. Ma ciò che dovrebbe maggiormente interessare è la modalità adottata. Fanno paura Lega e 5Stelle o fa paura il rischio che un “Sistema”, quello appunto che accennavo prima, possa essere messo in discussione? Il cambiamento, seppure teorizzato da due forze a me distanti, è motivo di interventi “a legioni quadrate” da parte di chi non vuol mettere in dubbio l’equilibrio europeo delle finanze e dei profitti? Mi viene da pensare che certe reazioni siano costituite da ben organizzati blocchi di potere (politico, economico, sociale) che agiscono in nome e per conto di un Grande Osservatore: bracci operativi sui territori, Governi con le loro articolazioni e i loro architravi di sostegno a quel desiderata imperante. Ed è questo un Governo che non inizierà mai, proprio come nel 1978, nel mese di maggio, il giorno 9. Per altri motivi.

Non siamo preoccupati del fatto che Lega e 5Stelle non governeranno il Paese, anzi. Ma per tutto il resto sì, dobbiamo esserlo: non per ragioni di “sovranità” che non ci appartengono declinate come sappiamo, bensì per modalità che, spacciate a salvaguardia di un Popolo, rendono ultimi i principi e le tutele per i cittadini sanciti dalla Costituzione, rispetto alla quale si dà peso oppure no.

0 commenti:

Posta un commento