BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 5 gennaio 2018

NOTIZIA SHOCK, I Sacchetti bio li pagavamo già prima solo che non c’era scritto

Vogliamo un'attimo tornare sulla rivolta dei sacchetti. C’era da pensare fosse semplice: sacchetti bio plastica per il cibo da pagare 1 centesimo da gennaio 2.018. E invece no, non è proprio così.

Ognuno dice la sua subito trova qualcuno che con altrettanta sicurezza afferma la contraria. Ma pare proprio, è sicuro che i sacchetti bio a pagamento dal primo di gennaio li pagavamo già da prima. Erano nel prezzo della merce acquistata, chi ce li forniva di fatto ce li vendeva caricando un’inezia forfettaria ma pur sempre un costo aggiuntivo sullo scontrino della spesa.

Uno dei principi cardini dell’economia è che non esistono pasti gratis, beh neanche sacchetti per la spesa gratis. Li pagavamo già ma non c’era scritto sullo scontrino. Li pagavamo già ma non lo sapevamo. Chissà da quanto tempo quindi subiamo il salasso e l’angheria eppur siam sopravvissuti.

Li pagavamo già i sacchetti senza rivolta sui social, senza sollevazione popolare. Perché erano pochi centesimi e perché erano invisibili. Invisibili sullo scontrino. Invisibili nel circuito della comunicazione, nel circo dei giornali e nell’arena dei social network.

Occhio non vedeva, cittadino non schiumava. Ora la questione, l’insopportabile oltraggio è che quei centesimi, quei 10 euro scarsi l’anno, si vedono. Stanno sui giornali, in tv, sui social, sugli scontrini. E la legge è stata fatta apposta perché si vedano. L’idea ingenua assai di chi ha fatto quella legge era che vedendo che qualcosa costano i cittadini consumatori avrebbero ridotto il numero di sacchetti di plastica utilizzati.

In Italia ne girano circa 10 miliardi l’anno, In Europa cento miliardi l’anno di sacchetti di plastica. Renderli visivamente a pagamento è stata l’idea ingenua per farne consumare di meno. E’ la legge che ha detto il centesimo del sacchetto vada con voce a parte sullo scontrino della spesa, prima quel centesimo si perdeva nel mucchio.

Ed è stata rivolta. Di massa e di popolo. Dal che se ne deduce che accorti e non ingenui governanti e legislatori avrebbero semplicemente dovuto…non dirlo. La sensibilità e suscettibilità dell’opinione pubblica-elettorato sono al massimo della scala. E la voglia e capacità della pubblica opinione-elettorato di informarsi e approfondire sono al minimo, anzi sotto ogni scala di misurazione. Quindi se non glielo dicevi e continuavi a far pagare quei maledetti pochi centesimi senza dirlo non c’era rivolta. Hai invece detto come stavano le cose, hai detto in fondo la verità, hai voluto dire che quei pochi maledetti centesimi servivano a qualcosa ed è stata ribellione indignata e ferita.

Se ne deduce, ma quella dei sacchetti è solo uno dei tantissimi casi che comprovano la deduzione, che guai a dirla la verità. Meglio, molto meglio stare quatti e silenti. Bastava non dirlo di quei centesimi e bastava non immaginarsi una opinione pubblica e una cittadinanza che non ci sono nella realtà, non immaginarsi cittadini che rinunciano al sacchetto di plastica finto gratis.

0 commenti:

Posta un commento