BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

domenica 10 settembre 2017

I due #carabinieri di #stuproFirenze sono colpevoli e indegni a prescindere

E' estremamente grave che una pattuglia in servizio dei carabinieri accompagni a casa due “civili” lanciandosi nel caso migliore in una avventura d'amore.
Anzi peggio, in quanto le due studentesse non erano nel pieno possesso delle loro facoltà mentali, brille e una di loro aveva fumato hashish in discoteca. E’ sicuramente una brutta storia, con il finale ancora da scrivere, gli innocentisti sostengono che la visita in ospedale non sarebbero emerse tracce palesi di violenza, ma ciò non sta va significare nulla.

I due carabinieri sono colpevoli a prescindere.

Uno di loro si è presentato con il suo avvocato, ai magistrati, ammettendo il rapporto sessuale e aggiungendo che sarebbe stato consenziente.

 Misera attenuante, già di per sé è inimmaginabile, oltre che vietato dal regolamento che una pattuglia dia un passaggio a civili sull’auto di servizio.

E si dia pure credito alla versione del rapporto consensuale, questo non escluderebbe la violenza sessuale, reato che per il Codice Penale si pone in essere “abusando delle condizioni di inferiorità psicologica e fisica al momento dell’atto”, e le due ragazze erano certamente alterate dall’alcol e probabilmente intimorite dalle divise dei loro occasionali  accompagnatori.

Si specula anche sulla polizza antistupro sottoscritta dalle due studentesse. E’ prassi che l’università americana stipuli generiche polizze antiviolenza, senza che neppure gli studenti lo sappiano.

Un’altra presunta certezza che cade.

La certezza comunque è una sola: i due carabinieri hanno disonorato la divisa indossata, commettendo un atto gravissimo dal punto di vista processuale e indegno da quello comportamentale.

0 commenti:

Posta un commento