BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 22 agosto 2017

#ischiaterremoto, Ischia massacrata dall’abusivismo ma c'è chi nega l'evidenza

In Italia si muore per un terremoto che in altre parti più civilizzate del mondo non desterebbe alcuna preoccupazione. È inconcepibile quanto accaduto a Ischia, dove un sisma con una magnitudo decisamente contenuta ha prodotto vittime, feriti e crolli.

Al di là delle peculiarità del territorio, che rendono il sottosuolo friabile, non si può non rimarcare come l'isola nel corso dei decenni sia stata oggetto di una sistematica speculazione e abusivismo: si è costruito anche là dove leggi e buon senso non lo avrebbero permesso e, in molti casi, lo si è fatto di fretta, utilizzando materiali e tecniche di scarsa qualità e senza prevedere alcun accorgimento antisismico nonostante i numerosi precedenti, almeno uno dei quali entrato nell'immaginario collettivo''.

Lo sviluppo turistico dell'isola ha amplificato i fenomeni di abusivismo che caratterizzano il nostro Paese: allo spontaneismo edilizio fatto di prime e seconde case, si è aggiunto quello altamente speculativo della ricettività alberghiera, enogastronomica e ricreativa, che ha comportato una cementificazione abnorme, solo per il Comune di Ischia sono state presentate 7.235 domande di condono in 30 anni, 4.408 delle quali risultavano ancora da evadere ad aprile dello scorso anno: molte di queste si riferiscono ad abusi che non possono essere sanati e che quindi, qualora le istanze fossero esaminate, sfocerebbero in ordinanze di demolizione. Senza dimenticare che ciò significa anche che migliaia di edifici sono sprovvisti dell'agibilità e delle altre certificazioni.

I sindaci dell'isola di Ischia però la pensano diversamente e negano anche l'evidenza. I primi cittadini "deplorano le notizie false relative a presunti danni e crolli in tutta l'isola ed alle inesistenti connessioni tra l'evento sismico e i fenomeni legati all'abusivismo edilizio rilevando che i crolli circoscritti alla zona colpita, hanno interessato per lo più strutture antiche fra le quali finanche una chiesa già distrutta dal terremoto del 1883 e successivamente riedificata".

"Bisogna affrontare il problema dell'Italia sismica in modo serio e senza dare la colpa all'abusivismo o ad altro", ha affermato all'Adnkronos il sindaco Francesco Del Deo. Secondo il primo cittadino di Forio, il parlamento è stato "inesistente finora e speriamo che si attivi per abolire la burocrazia - prosegue - Noi sindaci ci assumiamo le responsabilità ma a causa di una burocrazia impossibile si dice sempre di 'no' e ciò spinge all'abusivismo. Ischia non è colpita dall'abusivismo più di altre parti d'Italia".

Secondo Del Deo comunque "non bisogna fare allarmismo" perché, a parte le zone di Casamicciola e Lacco Ameno, nell'isola non ci sono stati danni importanti: "Certo, ci sono state vittime e ciò dispiace. Ma da quello che si sente sembra quasi che l'isola sia stata rasa al suolo". "l'allarmismo mette in ginocchio l'economia" della serie meglio i soldi e chissenefrega dei concittadini morti.

0 commenti:

Posta un commento