BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 23 maggio 2017

Se non penso...ho l'aria intelligente

Cosa succede? in verità nulla..a quanto pare, se non il solito correre e rincorrersi di commenti e frasi più o meno ovvie, che rimbalzano in maniera ripetitiva. Il mondo prosegue la sua corsa verso l'inferno, nessuno vuole mettere un punto al degrado mentale ed umano, da un canto gli interessi sono tanti, le vite di persone, quelle persone "qualunque", non hanno valore e servono invece a far crescere il timore, a far nascere odio, o indirizzarci verso scelte politiche da loro volute...si vogliono dei governi con caratteristiche di grande dipendenza, dei governi con persone da loro scelte ed a loro sottoposte..muore la gente qualunque, è un monito..quel governo ancora in piedi non va non è dei nostri...cambiate le vostre vedute piccola gente per bene altrimenti pace non ne avrete.
Poi sempre oggi, chi non aveva nulla dire o aveva finito con lacrime di poche ore..c'era pur sempre la "commemorazione" Giovanni Falcone,,,a seguire Paolo Borsellino...vittime della mafia? NO...non solo..forse più di Stato e forse ancor più di tutti quelli che oggi armeggiano con la politica, sperando di entrarci perchè è tanto "conveniente" che si lasciano andare alle solite ovvietà.  Falcone e Borsellino, ma non solo loro l'elenco che li precede è lungo (che li precede!),  di persone che sono morte assassinate per nulla in realtà...nessuna coscienza ha pianto lacrime vere, la verità quella che si vuole far uscire fuori. S'imbrogliano le carte, ma loro sono morti per nulla...sovvertire un potere consolidato? Follia, cambiare l'ipocrisia della gente? Impossibile...Non si toccano gli interessi...e la mafia insieme alla politica e a tutto un meccanismo che ruota attorno alla fine piace molto o torna utile..la si teme no, perchè temere se alla fine accetti e stringi le mani? I favori sono favori...Quelli che favori facevano?...Non è bello quello scrivo lo so..ma scrivo quello che mi sento e che si basa anche sui restanti giorni dell'anno...i giorni dei compromessi. I giorni del "non dimenticare" in realtà rappresentano solo degli intermezzi, una sorta di stacco pubblicitario...e la pubblicità è spesso ingannevole.
Siamo privi di vergogna, si fanno giochetti politici più o meno feroci da tempo immemore, da Giuda in poi..è stato tutto un superare il maestro. Non ci si vergogna perchè al contrario ci si dovrebbe nascondere, troppo da uomini vergognarsi, meglio meschini è quello che oggi conta.
Riccarda

0 commenti:

Posta un commento