BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

lunedì 10 aprile 2017

"L'imprendibile " Emiliano Zapata

Il 10/4 /1919  veniva ucciso con tradimento il rivoluzionario messicano " el caudillo del sur" Emiliano Zapata l' invincibile.
Sulla sua testa fu messa una taglia di centomila pesetas...La rivoluzione inizia nel 1910 in Messico e si protrae fino alla costituzione del  Queretaro nel 1917.
Zapata chiedeva giustizia , libertà della terra ,diritto  di sciopero e riconoscimento del sindacato con i seguaci contadini indiani  meticci ed emarginati di sempre, contro il potere assoluto di latifondisti sostenitori di P. Diaz.
Nel 1914 con Pancho Villa varcarono Città del Messico, insieme ai contadini del Chihuahua, meticci del Morelos,ed indigeni della Sierra madre.
Nel1915 Venustiano Carranza mise una taglia sulla testa di Zapata , vista la tenacia della resistenza,insieme a Gonzales decise di fargli un imboscata.
Gonzales giocò sporco ;,sequestrando la lettera ke Zapata aveva scritto al colonnello Guajardo , carcerato ,il quale lo invitava ad unirsi a lui. Gonzales costrinse Guajardo a trargli un tranello , organizzando una vile imboscata....
scatta così la trappola...
Si incontrarono il 10 /4/1919 in una fattoria..."el caudillo del sur"viene ucciso ,venne lasciato per un giorno su un l'impalcatura,e successivamente la sua testa mozzata fece il giro dei villaggi del Morelos , poiché vigeva tanta incredulità , ma soprattutto per deridere l'invincibile e x dimostrare vittoria ,mostrando il feretro deturpato,ma ottenne effetto contrario ,in quanto il popolo gli rese omaggio vigorosamente.
L'invincibile  ucciso grazie esclusivamente ad uno sporco tranello ...degno di potenti ignobili...

0 commenti:

Posta un commento