BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 14 aprile 2017

Gli insegnanti....ma mandiamoli lontani da casa

Il contributo dello Stato allo sfacelo delle famiglie…
Una delle più bieche azioni dello Stato, una??? insomma tra le tante …c’è quella di avere ormai da anni affidato l’Istruzione e le carte vincenti per avere una scuola tra le più infelici a Ministri il cui livello di idiozia è al pari dei danni che hanno fatto..speranza di un Ministro intelligente? Temo di no…pare che le persone logiche, intelligenti , del mestiere e con piedi per terra siano di grande fastidio.
Parlo di tutte quei giovani che decidono di laurearsi e fiondarsi nell’insegnamento, sono dei martiri? Dei folli? Fatto sta che sono anni che per insegnare, precari sempre, avere punteggio ti sbatacchiano da nord a sud da sud a nord, senza rendersi conto che negano così la possibilità di mettere su una famiglia, se ancora gli italiani ne avessero voglia e possibilità, chi l’ha viene disgregata con bambini che vanno con la mamma, o rimangono con papà e nonni..tutto ciò implica insegnanti nervosi, preoccupati, infelici…tutto per avere punteggio ed un giorno chissà magari tornare a casa, non perdere il lavoro è importante, sopratutto quando nelle famiglie due stipendi sono molto importanti, contributi e un domani (se sei vivo) la pensione forse, perchè tutto dipende dagli immortali politici ed i cassa integrati tanto amati dai sindacati e da un governo che fa chiudere le aziende, non hanno fatto fuori tutto il fondo pensioni, forse come anziani genitori e figli che nel frattempo sono espatriati. Tutto questo è un meccanismo misterioso, costoso ed una vita di papà e mamme, fidanzati eterni…che viaggiano con voli low cost per potersi vedere almeno una volta al mese. Tutto questo è corretto? No è solo ed esclusivamente di danno all’insegnamento, al sistema nervoso. Uno Stato che anziché riunire separa con buona ed esponenziale crescita di figli non italiani che cresceranno secondo i parametri culturali nostri o no? Più no che si credo, ma siamo un popolo di larghe vedute, quindi giusto garantire gli stranieri e sotterrare le famiglie italiane.
L’ultima della serie “genialoidi” è la Fedeli, scelta per il suo cognome, sicuro e certo di cieca fedeltà alle continue idiozie di una sinistra che ha per scopo la soppressione del proletariato, della cultura, della salute e di una classe di media borghesia.
E poi…il miracolo!! Un totale di 63.712 posti che verranno assegnati nel corso del triennio 2016/2018. Concorso!!! per cattedra!! Il miracolo? Sta proprio nel fatto che i concorsi avvengano secondo correttezza, senza perdere magari gli scritti..per esempio…(così un esempio a caso)…e poi la cattedra..si ma dove?
Cara Ministro Fedeli, il punto sta: Gli insegnanti dovrebbero insegnare senza patemi ed essere un pò più sereni (malgrado i Ministri all’Istruzione) in una scuola dove già gli allievi creano patemi ed i genitori dei suddetti virgulti non ne parliamo, duplicatori di patemi…vogliamo bravi insegnanti? Forse lasciarli vicino alla famiglia e/o dare loro la possibilità di averne una non sarebbe poi cosa disumana e forse anche economicamente sarebbe positivo,   ma va da se che tutto ciò che potrebbe essere positivo a voi non piace.
Riccarda Balla

0 commenti:

Posta un commento