BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

giovedì 27 aprile 2017

Come rendere la propria casa sicura con pochi accorgimenti

La casa è senza dubbio il nostro bene materiale più prezioso ma anche il luogo più intimo da curare e difendere. Fatti di cronaca riportano spesso all’attenzione la pericolosità di un impianto elettrico o di gas non messo a norma che possono causare danni molto gravi e in alcuni casi anche fatali per le persone. Purtroppo non sono pochi i casi in cui per una mancata manutenzione d’impianti, persone hanno perso la vita. Vediamo insieme quali procedure effettuare e quali accortezze apportare per rendere la nostra casa più sicura.


Per quanto riguarda le fughe di gas, è possibile evitare il formarsi di questi incidenti con una manutenzione periodica poiché i problemi delle fughe, la maggior parte delle volte nascono da una non corretta efficienza delle canne fumarie, una ventilazione non abbastanza efficace nei posti in cui sono posti fornelli, scaldabagni e caldaie. Il pericolo aumenta soprattutto nei mesi invernali quando il consumo di gas aumenta per riscaldare le nostre case e per via del freddo i locali in cui sono posti caldaie e scaldabagni vengono aerati di meno. La soluzione è un maggior controllo e manutenzione che in alcuni casi è obbligatorio come la verifica della caldaia altre no, ma sono molto consigliate. Per maggior scrupolosità sarebbe opportuno aumentare i controlli di manutenzione soprattutto nei periodi invernali e comunque cercare di aerare di più i locali dove sono posizionati.

Le verifiche periodiche e la manutenzione bisogna effettuarle non solo sulla caldaia anche su l’impianto elettrico, per evitare qualsiasi rischio sia per gli elettrodomestici e sia per le persone.

Per verifica dell’impianto elettrico non intendiamo solo la dichiarazione di conformità rilasciata dal professionista che si è occupato dell’istallazione ma anche le verifiche periodiche che servono a stimare la condizione dell’impianto elettrico vedendo nello specifico se ci sono malfunzionamenti o anche difetti che all’inizio non si sono notati e che possono essere molto pericolosi per il funzionamento corretto dell’impianto.

Queste verifiche impianti elettrici devono essere effettuati da personale competente che controllerà prima di tutto che non ci siano difetti percepibili a occhio nudo, come un involucro rotto o un conduttore non inserito bene e dopodiché effettueranno delle vere e proprie prove con strumenti appositi per testare l’affidabilità dell’impianto.

0 commenti:

Posta un commento