BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 10 gennaio 2017

Saviano/De Magistris, il Sud ha bisogno di valori e non di demagogia

Nello scontro Saviano-De magistris, FREE-ITALIA ha idee chiare  su questa inutile vicenda e auspica lo stop alle misere parole: Saviano sembra in perfetta sintonia con la narrazione renziana su Napoli e il Sud. La sua voce si leva ogni volta che c'è un attentato o un fatto criminale e mai una volta ho letto un suo scritto che se la prende col Ministro degli Interni, almeno con quelli di questo governo e di quello che lo ha preceduto (i governi hanno la responsabilità principale del reprimere e prevenire mafia, camorra e criminalità) ma continua a descrivere la città e i cittadini ad essere un luogo "in cui non cambia niente".

Trovo l'accusa che gli viene rivolta di "fare soldi sulla piaga della camorra" profondamente sbagliata da più punti di vista e che corre il rischio di sviare dal merito delle questioni ma, certo, se fra un fatto criminale e l'altro, Saviano avesse usato la sua penna e lo spazio mediatico che gli viene concesso per raccontare gli sforzi di tanta parte della società napoletana di fare antimafia diffusa costruita sull'impegno sociale e il faticoso lavoro di dare vita a spazi di democrazia allora, forse, me ne potrei fare una ragione.
Non so se questo dipenda dal suo isolamento, dalla sua visione culturale, da speculazione politica ma, lo confesso, persino a me che ho guardato al suo lavoro con interesse, sta diventando insopportabile e indefendibile.
Ha ragione il Sindaco Demagistris (al netto dei modi come lo fa) a porre la questione ed a rivendicare il percorso che sta facendo la città negli ultimi anni.
Il fatto che Saviano, poi, reagisca accusando Demagistris di "fare politica" è ridicolo e svela un atteggiamento strumentale: un sindaco "fa politica" e lui stesso (che invece si assegna il ruolo del "raccontatore") fa politica.
La sua, al contrario delle tante forze sociali e politiche che in città sono impegnate a costruire l'antimafia sociale e che hanno sostenuto col voto il sindaco Demagistris e che da anni provano a segnare un cammino nuovo, è una politica che con questa realtà non si relaziona, che liquida definendola populista ... esattamente come fa il renzismo.
Il Sud ha bisogno di buona politica, di alternativa e di scendere in campo mobilitando gli uomini e le donne di valore morale, che sono emarginati e condannati da un modello sociale, politico, di gestione del territorio e di sviluppo di cui oggi la criminalità organizzata è solo una articolazione .... e noi non abbiamo bisogno di demagogia.

1 commenti:

  1. Sono con Saviano e con De Magistris. Due visioni della città di Napoli che sembrano antitetiche, ma che in realtà si completano a vicenda. La denuncia dei mali di Napoli da parte di Saviano non può confligere con il buon governo della città portato avanti con successo da De Magistris. L'uno e l'altro concorrono in modo sinergico al bene pubblico della città di Napoli. In questo momento, l'uno rappresenta l'asse culturale anticamorra per eccellenza, l'altro l'asse politico intorno a cui ruota il consenso dell'80% dei Napoletani. L'uno e l'altro non possono conliggere. Anzi non devono confliggere.

    RispondiElimina