BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

lunedì 14 novembre 2016

Italia in deflazione; mentre Renzi racconta cazzate, l’economia è ferma

Parlare di inflazione non è divertente, ma chiarisce alcune dinamiche economiche e sociali abbastanza decisive. Perché permettono di misurare la distanza tra “narrazione” governativa e la realtà. E l'Istat ha dato la sua mensile informazione sullo stato delle cose nel mondo dei prezzi, sottolinenado con garbo che siamo di nuovo in piena deflazione, dopo l'illusione di settembre, che aveva fatto sperare nel contrario.


Che i prezzi non salgano potrebbe sembrare una buona cosa, specie se i salari sono fermi o addirittura in calo. E dal punto di vista del lavoratore dipendente con pochi soldi è certamente una buona cosa.

Ma sul piano macroeconomico è l'esatto contrario. Se i prezzi non salgono gli imprenditori non investono, perché significa che i consumi di massa sono fermi on in calo. Dunque, non c'è spazio per produrre di più. Al massimo si può puntare a sostituire alcuni prodotti con altri…

Nel mese di ottobre 2016, dice l'Istat, “l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC) diminuisce dello 0,1% su base mensile e dello 0,2% su base annua (la stima preliminare era -0,1%) mostrando nuovamente tendenze deflazionistiche dopo la ripresa (+0,1%) di settembre”.

A determinare ancora una volta il calo è il prezzo dei prodotti energetici, trainati dal petrolio. Il quale – mediamente – non cala più, anche se ovviamente presenta sbalzi di prezzo quotidiani che su base mensile tendono a tracciare una linea piuttosto piatta.

Ma sono soprattutto i prodotti alimentari (specificamente i “non lavorati”, -0,4%, da +0,4% di settembre) a dare la cifra della crisi dei consumi di massa, ovviamente alimentata dai bassi salari e dalla pesante disoccupazione reale.

Stesso discorso per i Servizi ricreativi, culturali e della cura della persona; la cui crescita si azzera dal +0,6% di settembre. Del resto, se si contraggono i bisogni primari (alimentari), a maggior ragione lo faranno quelli, diciamo così, “non essenziali” per la semplice sopravvivenza.

Una conferma diretta viene dai cosiddetti “prodotti ad alta frequenza di acquisto”, il famoso “carrello della spesa”, ossia i beni di primissima necessità, che aumentano solo dello 0,1% in termini congiunturali (su base mensile) e registrano invece una crescita su base annua stabile ad appena lo 0,2%.

Ne deriva che l'inflazione di fondo scende velocemente, passando in un solo mese dal +0,5% di settembre allo 0,2 del mese successivo.

0 commenti:

Posta un commento