BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 16 settembre 2016

La Francia si ribella contro la Loi Travail. L'italia no..

Centinaia di migliaia di persone sono scese in strada in oltre 100 città della Francia per chiedere ancora una volta l'abrogazione delle "Loi Travail", una legge di controriforma del mercato del lavoro paragonata al Jobs Act di Matteo Renzi.


A Parigi, Tours, Marsiglia, Nantes, Rennes, Le Havre, Lione, Clermont-Ferrand, Grenoble, Châteauroux, le manifestazioni di questa ennesima giornata di mobilitazione contro il governo e il padronato sono state organizzate per dire ancora una volta no al testo promulgato ad agosto su proposta dell'esecutivo socialista.

Esecutivo chiamato adesso a varare una lunga serie di decreti applicativi su questioni particolarmente spinose, come l'aumento dell’orario di lavoro, il referendum in azienda, gli accordi cosiddetti "offensifs" (cosiddetti “in favore dell'occupazione”, e che prevedono un aumento dei ritmi e degli orari di lavoro ma una diminuzione della retribuzione, per rendere la propria azienda più competitiva rispetto alla concorrenza), che saranno pubblicati ad ottobre.

A Parigi sono scese in strada 40mila persone secondo gli organizzatori (i sindacati CGT, FO, FSU, Solidaires, Unef, Fidl e UNL) iniziando a sfilare nel primo pomeriggio da Piazza della Bastiglia. Parola d'ordine degli oppositori è il ritiro di un testo che stabilisce la supremazia degli accordi d'azienda, in materia di orario di lavoro, su quelli nazionali di settore. "Il grande perdente di questa legge è François Hollande", hanno gridato i manifestanti reduci da sei mesi di mobilitazione ripresa oggi dopo la pausa estiva.
Già durante la mattinata le organizzazioni studentesche avevano anticipato la mobilitazione del pomeriggio organizzando presidi, picchetti e cortei.

Al termine della giornata di lotta almeno sei persone sono rimaste ferite nelle cariche e negli scontri, un manifestante e cinque agenti. Altre nove persone sono state fermate dopo gli scontri a margine del corteo con lanci di bottiglie molotov da un lato e lacrimogeni e cariche da parte della polizia nei pressi di Place de la Republique. 

0 commenti:

Posta un commento