BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

domenica 12 giugno 2016

PRIDE SIGNIFICA LOTTARE

Non so bene dove eravate ieri, ma a Roma, c'è stato il Pride, volendo potevate venire a passare un bel pomeriggi nella capitale.
L'appuntamento era alle 15 di pomeriggio, Piazza della Repubblica e poi iniziava la camminata, con musica e tanti colori.



Specialmente quest'anno si doveva festeggiare, perchè anche il nostro paese inziia a muovere i primi incerti passi, verso una presa di coscenza sui diritti di tutti che, sembrano solo privilegi per pochi.

Pride significa confrontarsi, e difendere una giusta causa; personalemente sono diversi anni che ci vado, le prime volte non facendo tutta la camminata, lo ammettto.

Se dovessi spiegare come mai ci sono andata, dovrei, prima di tutto ricordare, a chi me lo chiede che davanti alla nostta costituzione noi siamo tutti uguali, senza distinzione di sesso, di razza, di religione e che, per tanto, la negazione di alcuni diritti viola apertamente le basi del nostro sistema legislativo.

Ma prima di tutto ci vedo per me stessa, perchè sono convinta che bisogna mettere un freno alle ingiustizie commesse nel mondo, anche quando non ci toccano direttamente.
Che poi, voi sapete dirmi cosa significa direttamente?
Perchè sapere che molti cari amici hanno difficoltà a fare le cose più semplici è fonte di grande dispiacere, anche di rabbia.

Stiamo permettendo da troppo tempo di far decidere al razzismo sulle vite di altre persone, perchè non mi venite a prendere in giro, quando si parla di Gay, Lesbiche, Trans, Bisex, quello che esce dalla perbenista bocca della società è un infarinatura di cattolicesimo andato a male, la negazione anche dei fondamenti della biologia per cui si nasce in un determinato modo.
Quindi, per fare chiarezza, la frase "è contro natura"... è, esse stessa, contro natura.

Stiamo discutendo di abbandonare completamente un passato stantio, per cercare un futuro migliore, dove un figlio non dovrà mai preoccuparsi di dire in famiglia quale sia il suo orientamento sessuale, perchè non dovrebbe neanche servire.
Ma dove sta la differenza?
Cosa volete che me ne importi, se mio figlio sia etero o meno, quello che mi interessa è che sia felice, che sia amato, che sia rispettato, che possa vivere la vita che gli ho dato, senza il peso dell'altrui difetto.
Perchè essere degli xenofobi, quello si che, è un vero orrore, quello andrebbe corretto.

Mettiamo il punto sulle adozioni, ribadendo che un bambino ha solo bisogno di essere felice, amato e curato, e se leggendo questa mia ultima dicitura, alzate gli occhi al cielo, io non lo sto scrivendo tanto per dire, ma per esperienza diretta.
Quindi state zitti.
Un bambino non vede nella sua famiglia gli orrori che vedono gli adulti, un bambino si preoccupa solo di sentirsi al sicuro, desidera giocare con i genitori e poter contare su di loro.
Queste capacità non derivano dall'orientamento sessuale, perchè ne ho viste io di famigliole borghesi con padri assenti, madri cornificate, e viceversa.
Come mai questo lo giustificate?
Forse lasciate corrore, perchè questa è la merda che vi appartiene e la nascondete sotto il letto?

Penso anche che la Libertà sia un valore universale e difendere quella di tutti, significa anche difendere la nostra, dormire serena la notte.
Conoscete il Poesta Tedesco Bertolt Brecht? una sua famosa poesia si intitola "Prima vennero" desidero proporvela, perchè spiega perfettamente le motivazioni per cui si deve sempre marciare per una giusta causa; non siamo struzzi, e neanche codardi, altrimenti non saremmo gli uomini che crediamo e allora, lo diventano molto di più quelli che ci mettono la faccia, anche se hanno paura.

"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" 


0 commenti:

Posta un commento