BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

sabato 28 maggio 2016

Il cane ha un problema!!! Si, il proprietario.

Ci ha lasciati Valeria Rossi, donna cinofila, che abbiamo tutti seguito, per la sua bravura e per la sua allegria, per i suoi articoli, per la sua pungente verità.
Anche per renderle omaggio scrivo due righe, per parlare di un'argomento comune, che prima di tutto è un grande malinteso.


Capita spesso che arrivino persone con il proprio cane chiedendo aiuto, perchè il cane presenta dei problemi; non si può lasciare da solo a casa, oppure tira a guinzaglio, oppure non si lascia prendere, non risponde al richiamo. Arriviamo anche a cani non compatibili con altri cani o mordaci con le persone, anche nei confronti del loro umano.
Corrono ai ripari, ma non hanno saputo arrivare prima: chiedere aiuto ammettendo che, non si nasce imparati.
Gli educatori, gli educatori esperti ed i tecnici, possono fare (spesso)miracoli, ma sarebbe meglio poter lavorare con i cani nel momento giusto, per dargli una vita serena fin dal principio.

Purtroppo nove volte su 9 e mezzo si tratta di capire che, errori ed orrori il proprietario ha fatto nei confronti del suo 4 zampe. Certo non volutamente!! Ma il risultato non cambia ed ha combinato un vero "guazzabuglio medievale".

Allora:
1) i cani sono tutti diversi! sono diversi per gruppo, per razza ed anche per personalità. Chi vi dice che ogni cane è identico vi sta mentendo.  Un San Bernardo non è un Beagle!! Un Golden non è un Husky!  
Se li vedete dovreste capirlo da soli! se fossero tutti uguali ne bastava uno!
2) un metodo valido per un soggetto non è valido per tutti i gli altri cani, quando si parla di educarli o correggerli bisogna agire sul singolo soggetto, capendo che tipo di percorso, che tipo di esercizi sono utili, validi e recettivi per il singolo.
3)I cani si prendono in un canile, o in un Buon Allevamento certificato ENCI, non si prendono dentro un negozio perchè sono cani che provengono da allevamenti intensivi dell'est Europa dove le mamme sono tenute prigioniere per tutta una vita.
Non ci vuole un genio per capire che se la mamma non sta bene anche i cuccioli non staranno bene.
Non ci vuole un genio a capire che, se nel negozio il cane dorme, mangia e fa i bisogni nello stesso posto (2 metri per 2) non va bene! Ma dove siamo in Matrix?? i cuccioli hanno bisogno di vivere in serenità, devono stare 60 giorni con la madre, e poter giocare all'aperto vicino a lei. Non hanno bisogno di stare in vetrina con qualche idiota che gli scatta le foto.
4) Esistono più di 300 razze, non scegliete il vostro cane solo per il suo aspetto estetico, ma anche per quelli che sono i suoi bisogno e le sue qualità.
Pensate veramente che un levriero sia felice di fare la camminata intorno al palazzo? Pensate che un segugio o un bracco siano soddisfatti nel fare 20 minuti di uscita due o tre volte al giorno? Praticamente non li fate uscire!! Quindi, se poi diventano "pazzi" non date la colpa a loro, troppo comodo.
5) Se avete poco tempo da dedicargli trovate strutte che vi seguano, dove ci siano l'asilo giornaliero in modo che il cane abbia la possibilità di socializzare e giocare con i suoi simili.
6) Il cane è un animale da branco, come il lupo, quindi no, non va bene metterlo in giardino o sul balcone, da solo, dovrete renderlo partecipe della vostra vita, dedicargli tempo, energie.
7) Per educare un cane dovrete essere i suoi genitori, dargli delle regole, mantenere il punto sulle cose importanti e sapere anche fare un passo indietro, giocarci, farlo anche vincere, quando serve! il cane è il vostro migliore amico, non un sottoposto da comandare!
Se avete manie di grandezza non ve li fate, lasciateli in pace!
8) Il cane è un impegno, oltre che un piacere, quindi cercate di capire se avete la capacità di essergli vicino quando serve e non solo quando potete, quando vi fa comodo o quando non avete altro da fare; in tal caso, fatevi un pesce rosso! 


Io sono nata con i cani dentro casa, fanno parte del mio mondo, senza di loro non riesco a visualizzare la mia vita, ho studiato, anche per poterli capire meglio e per rendere la mia passione, qualcosa di più; mi sono specializzata nelle razze che sento più affini con la mia personalità e con il mio stile di vita. Vivo la mia vita insieme a loro, ed ogni giorno imparo qualcosa di nuovo, osservandoli sempre.
Non è sempre facile, qualche volta alcuni mi hanno anche morso, ma non per questo li amo di meno, anzi, ho continuato a lavorare con maggior entusiasmo, con più voglia di capirli, di aiutarli.
I cani non predano l'uomo, i cani se arrivano al morso hanno avuto una frattura nella loro vita.

Se penso al resto della mia vita, ovviamente ancora mi immagino circondata da molti di loro, specialmente li Amo, quando rendono la mia casa più dolce, anche per questo motivo, tutte quelle donne, quelle famiglie che, si sbarazzano del cane, quando arriva un bambino, mi indignano profondamente, sono persone completamente ignoranti, prive di amore, squallido esempio di vita, per tutti quelli che gli stanno vicino.
Bisogna essere pazzi, per non riconoscere l'amicizia che ha cambiato il mondo intero, il binomio che ha sostenuto due specie.



0 commenti:

Posta un commento