BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

lunedì 25 aprile 2016

25 (FREE)Aprile

Oggi è il 25 Aprile, sono passati settant'anni da Quel giorno memorabile in cui un Paese è stato liberato da una dittatura.
Un dittatura che ha asservito la seconda guerra mondiale, deportando persone innocenti e sacrificandone molte altre per i propri scopi.
Non c'era altro, ieri, come oggi, se non la voglia di una casta eletta di annichilire le menti di un popolo ignorante per indurlo a compiere azioni oltraggiose.


Oggi la nostra redazione si ferma, tutto, all'unisono, senza nessuna eccezione per ricordare il sacrificio di uomini e donne, ragazzi qualsiasi che, animanti da uno spirito di libertà decisero di rischiare la propria vita contro i fascisti e le squadre di S.S. che distruggevano il nostro paese.

Ci sono molti modi per ricordare quei fatti:

"Caro Partigiano, non mi conosci, ne potremmo mai conoscerci. Siamo di due generazioni diverse, forse oggi saresti un nonno felice attorniato dai tuoi nipoti, ma non hai avuto la fortuna di vivere per vedere cosa sarebbe successo. Già perché tu hai donato la tua vita per noi come molti altri partigiani, la tua esistenza si è fermata nell’ottobre del 1944, quando le ss tedesche e le brigate nere fasciste iniziarono le mattanze di firenze. E in ialia Havete combattuto fino all’ultimo ma non c’è l’avete fatta, siete rimasti feriti a morte e da allora non si hanno più notizie. Ma vi voglio rendere onore come si deve buona vita partigiani d azione."
Roberto

"Strano 25 Aprile, quello da cui da un lato, si dovrebbe festeggiare la liberazione, mentre dall'altro si piange il ritorno, di fatto al Fascimo. Un Capo del consiglio chiamato a governare da una legge dichiarata incostituzionale dalla stessa corte costituzionale, forma un governo di riforme volte a cambiare la costituzione senza averne legittimità, il tutto per finire (per ora), con il ripristino della legge Acerbo, svuotando di qualsiasi potere il parlamento ed abolendo il bicameralismo. Ad Ottobre si voterà il referendum (si spera), e visti i risultati di quello sulle trivelle da poco votato... 
Ciao 25 Aprile. morituri te salutant.
Diego Chia-Mi


"Resistenza, che signfica?
Oggi sembra essere stare sull'isola dei famosi senza tutte le comodità, oppure darsi frecciatine al programma di Amici per riuscire ad emergere dal gruppo; oppure pagare il canone della Rai quando in prima serata abbiamo un mafioso che ci parla in totale libertà.
Non lo so...
Io credo che la Parola resistenza sia carica di significato, credo che sia quando si è molto stanchi, e si decide di andare avanti; quando nessuno crede in te, e decidi lo stesso di tentare. 
Resistenza significa dichiararsi gay apertamente perchè è un segno di libertà.
Resistenza significa studiare, in un mondo dove si preferiscono persone ignoranti, facilmente manipolabili.
Resistenza significa dare aiuto a chi arriva sulle nostre coste, armato solo di paura, di speranza.
Resistenza significa crescere una figlia da solo, lavorando e non facendole mancare nulla, dandole nuovamente una famiglia su cui poter contare.
Resistenza significa sfidare i bombardamenti, come faceva mia nonna che voleva laurearsi, nonostante i fascisti.
Resistenza: che bella parola, che Onore pronunciarla, che Privilegio sentirne la forza.
Oggi, che ci hanno tolto tutto, che siamo preda del qualunquismo razzista più sfrenato, assume nuovamente un nuovo significato.
Sapete una cosa? Ci chiamerei quasi una figlia così, e le direi di ricordarsi sempre tutte le persone che nel mondo combattono ed hanno combattuto per i suoi diritti, che sia votare, che sia studiare, che sia Vivere con Dignità, questo significa essere partigiani"
Woland Onegin 


Cari lettori, grazie a voi che ci seguite, che ci date la possibilità di parlarvi, che siete il motore del nostro Blog, siete anche voi questa resistenza, armati di voglia di fare, di grande consapevolezza.
Auguri, 25 Aprile, resterai sempre il giorno del italia, quella Vera, quella che 
Esiste, quella Ideologica, quella delle battaglie giustissime.

Free Italia


1 commenti: