BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

giovedì 10 marzo 2016

Per mettersi di traverso....una specialità di "nicchia"

Si vede un apparire ed uno sparire di faccine arrabbiate o con lacrima..Ogni tanto qualcuno nomina Libia....Siria...e giù faccine....ISIS ...Erdogan... Donbass (questo in effetti sembra che interessi poco..chissà perchè) tutte situazioni di estremo pericolo,  emblema di guerra, violenza, genocidi..una faccina basta, il massimo della cultura è una frase in inglese...a parte peace (e che noia..fantasia su)...magari presa da qualche canzone di protesta...Beatles,  Bob Dylan, Johnny Cash, Little Birdy...“There’s someone for me somewhere/And I still miss someone…”.....poi se il significato è corrispondente o meno non importa..


Eppure, così come appaiono scompaiono , sono immediatamente dimenticate, presi da cosa? Dal voto politico trivellante, metteremo un Si...un Si a qualcosa che è molto poco, molto poco. ma accontentiamoci..poi dimenticheremo e loro lo sanno!

Ci sono movimenti nei cieli...negli aeroporti militari..sarà solo per addestramento..chi ci vuole?...e poi L'italia, a parte qualche "guerriero" che se ne va sul fronte a chiedere conto e ragione...tutti sempre tranquillamente a casa, in fondo l'Italia con il suo calar la testa più o meno a tutti...chi la tocca, la guerra la si fa a chi alza la testa...ci sentiamo un pò "the King of the Delta Blues"  o Enrico Cornelio Agrippa? Faust è troppo inflazionato ormai.  

La politica dei nostri governanti è quella di cedere l'italia a chiunque...e ci si mette al sicuro, la popolazione è contenta, ogni tanto succede qualche fatto orrendo, come i due italiani uccisi, ritardo nel pagare il riscatto? o  considerati i due che dovevano in qualche modo far capire che ogni tanto lo Stato Italiano non cala la testa ...ma farlo credere a noi italiani...e poi il riscatto è partito?

Ma noi italiani siamo così un pò "prefiche"...un pò falsi mi verrebbe da pensare..la guerra è a casa d'altri in fin dei conti. Perchè tutto questo? perchè mi era stato chiesto di scrivere sulla Libia e sul coinvolgimento della dormiente Italia...cosa scrivevo? che forse agli italiani una scossa vitale  per  svegliarci dal nostro letargo, dalla nostra pigrizia, dal nostro svenderci, dal nostro menefreghismo, non sarebbe poi una sventura?  Capire che abbiamo mollemente, "divanamente" (da divano), protestato  ma al riparo di una svendita, siamo così sicuri?  

Nella mia visione...forse siamo diventati troppo molli, tanto molli che non riusciamo nemmeno più a difenderci dai nostri politici, non difendiamo il futuro dei figli e mettiamo loro in mano un trolley, non proteggiamo i nostri anziani, viviamo pensando solo più a distrazioni personali per non pensare a quanto ci è stato tolto.., ci facciamo ingannare da imbonitori, facciamo finta di essere felici accontentandoci di surrogati di felicità..Forse capire che la vita, i valori umani, gli affetti vanno difesi,  sarebbe importante, rendersi conto di quanto poco importa il finto, l'irreale, l'avere o il figurare, figurare ciò che non sei.. e quanto sia importante invece la vita che ti abbraccia ed in questo abbraccio capisci ciò che vale, ciò che è vero e ciò che con te ha giocato...forse se pensassimo che una guerra potremmo anche subirla noi  e non gli altri (che pena..ma è la)..qualcosa di più serio, vero,  uscirebbe non solo dalle tastiere,  ma già dimenticavo..l'Italia invia armi...paga riscatti..(per alcuni non vale la pena), intere zone lasciate in mano ai Chewingum ...(difesa?)  tutti tranquilli..possiamo continuare a suonare cembali, declamare poesie e fare i colti...non so chi sarà Nerone e chi gli porgerà l'accendino..

Riccarda Balla



0 commenti:

Posta un commento