BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 29 marzo 2016

Il tunnel Garanzia Giovani.

Foto di Giuseppe Gargano
Garanzia Giovani, nato nel 2014, era un disastro annunciato?
E’ una misura che nasce per aiutare i neet ( quei ragazzi tra 15 e 29 anni che non sono in un percorso lavorativo ne di studio ) o il baraccone che fornisce “ stipendi” a ogni struttura che per qualche motivo gestisce i disoccupati?
In Sicilia , per esempio,  si sono registrati 145.469 ragazzi al progetto,  di questi 118.225 sono stati presi in carico, cioè hanno   effettuato un colloquio.
In tutta Italia in 865.000 si sono iscritti in due anni. I contratti alla fine sono stati in tutto 32.000. Quindi ogni contratto è costato 36.000 euro all’incirca. Per tre quarti che hanno effettuato un tirocinio si è trattato di una perdita di tempo. 
Progetto formativo? Una chimera. Solo sulla carta.
Sono stati stanziati un miliardo e settecentocinquantamilioni di euro in totale. Vediamo chi li ha presi:
Ai tirocini sono state dirottati 404 milioni di euro. Bonus alle imprese, centri per l’impiego, corsi, seminari e convegni hanno assorbito tutto il resto che era destinato ai ragazzi.  Le voci sono varie: 75 milioni affiancamento ai ragazzi per mettersi in proprio, 240 milioni alla voce formazione ( chi l’ha vista?) 120 milioni all’accompagnamento al lavoro poi 61 milioni ad accoglienza e orientamento.
Se chiedi a chi si è iscritto ed è riuscito ad avere un lavoro ( perché di questo si tratta ) ascolterai storie kafkiane: ragazzi che aspettano il saldo dei tremila euro che , alla fine toccherebbero a loro, a volte si sono superate 40 ore settimanali, lavoro festivo, nessun contributo, nessun progetto formativo, nessun attestato finale. E di assunzione alla fine del percorso si parla con numeri uguali a chi ha vinto qualcosa al gratta e vinci. 32.000 contratti su 139.000 tirocini su 865.000 partecipanti.
E le qualifiche? Commesso, muratore, cameriera, aiuto pizzaiolo, assistente idraulico, badante, barista. commesso, muratore, cameriera, aiuto pizzaiolo, assistente idraulico, badante, barista.
Ed il tunnel dove sono infilati questi ragazzi nel frattempo è stato arredato per tenerli comodi fino alle prossime elezioni.


Carlo Mocera.

0 commenti:

Posta un commento