BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

domenica 13 marzo 2016

Bomba a fermata dei bus nel centro di #Ankara, ma il sultano censura

Un'autobomba è esplosa vicino a una fermata dei bus nel centro di Ankara: almeno 28 morti e 75 feriti, secondo una dichiarazione del governatore della capitale: "La deflagrazione è stata causata da un veicolo imbottito d'esplosivo vicino a piazza Kizilay", ha spiegato il governatorato. Delle vittime, 23 sono morte sul luogo dell'attacco e altre 4 mentre venivano trasportate in ospedale. Dopo lo scoppio sono stati uditi spari, riferiscono fonti ufficiali della sicurezza.

L'espolsione è avvenuta tra il parco Guven e la piazza di Kizilay, a poca distanza anche da due fermate della metro, in una zona centralissima della capitale turca. Numerose macchine che si trovavano nei pressi del luogo dell'esplosione sono in fiamme. La zona è stata evacuata nel timore di un secondo attacco.

Sull'attentato è scattata la censura: il Consiglio Supremo della radiotelevisione (RTÜK) ha dichiarato il divieto di trasmissione delle immagini della scena dell'attacco e delle vittime.

I principali social network in Turchia risultano fortemente rallentati dopo l'esplosione. Non è la prima volta che accade:episodi analoghi erano già avvenuti in occasione di altri recenti attacchi nel Paese.

0 commenti:

Posta un commento