BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

giovedì 25 febbraio 2016

Vento del Sud

Vento da sud  (traduzione in fondo )
Prima ca dici ca ci senti
sta attento a nun attintare
l'aria vacante di là genti.
Stuppate sta aricchie
lassa a maldicenza 
senti cu a to cuscenza.
Ca un c' è nuddo movimento 
sulu tanto Vento
ca non smove nenti e 
ca suscia dallo sperduto e
tanto luntano sud.


Picchi ci sunnu vucchi 
fatti d'abisso 
E lingue ca parrano ma 
un dicino nenti.
Na sta terra fatta 
ri latre e politicante 
unni ogni diritto è cortesia.
Unni ci su vrazza e 
teste ittate allu sule 
Ca parino tante bestie.
E a nuddo importa nente 
si ci batte di dintra un core o 
ci scumpare u sangu dalli vine.
I preconcetti sunnu fatti di nenti 
peddi tua e peddi mia 
Diu contro dio 
testa contro testa 
Lingua tua lingua mia.
E u sango è sulu russo 
cancia alla stessa Manera
puro quanno è miscato
alla nivura terra. 
Vento sud, ca già susciaste 
più di mill'anni fa 
chi lassasti tanto 
na sta cultura ri chista società 
ricordarci che 
Semu tutti figghi di dio ed Allah.
La Lia Vincenzo febbraio 2016

 Vento da sud
Prima di dire che ci senti
stai attento a non ascoltare
l’aria vuota della gente.
Stappati le orecchie
abbandona la maldicenza
ascolta con coscienza.
Ché non c’è nessun movimento
solo tanto vento
che non smuove niente e
che soffia dallo sperduto e
tanto lontano sud.
Perché ci sono bocche
fatte d’abisso
e lingue che parlano
ma non dicono niente.
In questa terra fatta
di ladri e politicanti
dove ogni diritto è una concessione.
Dove ci sono braccia e
teste buttate al sole
da sembrare tante bestie.
E a nessuno importa niente
se dentro gli batte un cuore o
gli scompare il sangue dalle vene.
I pregiudizi son fatti di niente
pelle tua e pelle mia
Dio contro Dio
testa contro testa
lingua tua lingua mia
ed il sangue è solo rosso
e si tramuta nello stesso modo
anche quando mischiato
alla nera terra.
Vento del sud che già soffiasti
più di mille anni fa
che hai lasciato tanto
in questa cultura e in questa società
ricordaci che
siamo tutti figli di Dio e di Allah.
La Lia Vincenzo
Trad. a cura della redazione

0 commenti:

Posta un commento