BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

sabato 27 febbraio 2016

27.000 nel 1991.Ora 150.000

Era il 1991 e 27.000 albanesi disperati giunsero in Italia.
Ora ne aspettiamo 150.000 cosa accadrà?
C’è un ordine che ha impartito la NATO: trasferite i 150mila disperati, bloccati lungo la rotta balcanica, in Italia.
Il generale di divisione Guglielmo Luigi Miglietta a capo della missione Kfor è  incaricato del trasbordo.
L’ex ministro della difesa Mario Mauro avverte:-"I primi sbarchi potrebbero avvenire fra due o tre settimane  con il risvolto un po' grottesco di una invasione aiutata anche dalle forze militari Nato che certo pensano anche a salvare le vite di quei poveracci".
Sono disperati che a causa della chiusura delle frontiere si trovano bloccati tra il Kossovo e l'Albania.
L’ex ministro aggiunge:-"Sono chiuse le frontiere del Nord di Croazia, Ungheria e Austria  la rotta dei profughi si è bloccata in Serbia e Macedonia puntando ora sull'Albania dove non ci saranno barchette per trasportarli sulle coste italiane in Adriatico, ma vere e proprie navi in grado di portare migliaia di persone".
Il generale Miglietta, che deve occuparsi del trasbordo, denuncia che:- "Le autorità di Pristina  sostengono che dal Kossovo sarebbero partiti 350 militanti verso il Califfato dell'Isis, ma secondo le intelligence occidentali quel numero sarebbe di gran lunga superiore, e circa la metà di loro sarebbe rientrata proprio seguendo i migranti e confondendosi in quelle folle" e, continua:- "L'attività di proselitismo vera e propria verrebbe condotta in Kossovo da imam non autoctoni e da organizzazioni non governative fra le oltre 8mila registrate nel paese, dal profilo nebuloso e dalle ampie disponibilità finanziarie  il loro modus operandi è non solo quello di costruire moschee (ne sarebbero state costruite più di 100 in dieci anni)  ma soprattutto quello di provvedere al sostentamento dei nuclei familiari più indigenti, chiedendo in contropartita la frequentazione delle moschee fondamentaliste e l'adozione di atteggiamenti radicali nei costumi e nella educazione dei minori".Insomma rischiamo di imbarcare con i disperati anche i tagliagola dell’ISIS.
Come gestiranno questo problema Matteo Renzi e Angelino Alfano?

Carlo Mocera

Fonte Il Giornale.



0 commenti:

Posta un commento