BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

sabato 23 gennaio 2016

#Svegliatitalia, l'Italia civile scende in piazza

Mentre il dibattito sulle unioni civili si infiamma, l'italia civile e sana scende in piazza quest'oggi per difendere il tanto agognato ddl Cirinnà.
Sono 40 le città che hanno deciso di aderire alla manifestazione, organizzata da numerose associazioni lgbt. A Roma, per esempio, l'appuntamento è in piazza del Pantheon, con una contro-manifestazione organizzata dalle Sentinelle in Piedi.


Raduni anche a Napoli, in piazza Carità e a Milano, soprattutto dopo la decisione del governatore di appoggiare la causa del family day, con tanto di messaggio luminoso sul Pirellone. A Genova si temono disordini con  le fogne delle sentinelle in piedi e Forza Nuova. A Torino, infine, in piazza Carignano vi sarà il sindaco Piero Fassino e non mancheranno gli altri candidati sindaco: Giorgio Airaudo per Sinistra italiana e Roberto Rosso per il centrodestra.

 "Dove c'è un popolo c'è sempre da avere un grandissimo rispetto", ha spiegato Renzi. "I ministri sono liberi di andare a tutte le manifestazioni che vogliono, non vedo perchè dovremo essere arrabbiati se uno o più ministri parteciperanno al family day o se altri andranno ad altre manifestazioni". "La legge sulle unioni civili ci vuole,la stragrande maggioranza ha capito che la legge va fatta". Poi precisa: "Io credo che se non troveremo un punto di equilibrio, bisognerà andare a votare in Parlamento a scrutinio libero con voto di coscienza. Totale rispetto per il Parlamento".

0 commenti:

Posta un commento