BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

mercoledì 16 dicembre 2015

Tunisia.....caccia alle streghe..




Fonte il Messaggero.it:

Sono stati condannati a tre anni di prigione e a ben cinque di interdizione sei studenti tunisini. Il motivo? Essere omosessuali. I ragazzi, che vivono a Kairouan, centro famoso per essere stato annoverato dall’Unesco tra i patrimoni dell’umanità.  Davanti alla polizia, i protagonisti della vicenda hanno ammesso di essere gay ed hanno per questo ricevuto la pena più severa tra quelle previste dal codice penale in vigore nel Paese nordafricano.

Gli studenti, tutti di età compresa tra i 18 e i 19 anni,, Amnesty International,  ha commentato la decisione del tribunale tunisino definendolo “un esempio sconvolgente di discriminazione radicata, una pena che sembra faccia sprofondare il Paese islamico di nuovo nel Medioevo, non coerentemente con l’evoluzione degli ultimi anni”.

Allora, bravi italiani, tra politici, ex politici, intellettuali, più o meno sinistrorsi mi sembra che di omosessuali ve ne siano e ve ne sono stati...tutti zitti...o scenderete in piazze tranquille di casa nostra dove l'omosessualità  non è motivo di discriminazione, (o quasi..perchè siamo comunque un pò ipocriti)...protestando per la condanna...e sentendovi vicini ai 6 ragazzi..stando comunque a debita distanza dalla Tunisia...Gruppi di una politica che si sente vicina sempre e comunque a ciò che fa tanto "rivoluzionari"...sventolando bandiere, usando pennarelli colorati sul volti virtuali ...ma...devo dire che sull' acquisto dei colori c'è un pò di taccagneria..visto che molte bandiere di Paesi che hanno subito o stanno subendo torti, massacri e violenze non ne vedo. Va beh..Mio consiglio...anzichè intasare le nostre piazze o strade..andate ad intasare le piazze di Kairouan mi parrebbe molto più logico, giusto ed utile. altrimenti è il coraggio dei vili  proprio questo puntare il dito contro standosene comunque al riparo. Sentirsi vicini ...standosene ben lontani..? Siete sicuri di non prendere in giro?

Riccarda Balla

0 commenti:

Posta un commento