BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

domenica 6 dicembre 2015

Cultura, la vergognosa mancia elettorale di Renzi

E' tutto sempre e solo campagna elettorale. L’operazione di Renzi dei “bonus per la cultura” è ancora più grave perché strumentalizza la situazione reale ed emotiva creata dal terrorismo. Usando slogan sempre efficaci “la cultura contro il terrore” (come dargli torto?) Renzi mette in piedi una misura totalmente propagandistica che come al solito non solo non risolve nulla e non incide sulla vita concreta, ma getta fumo negli occhi in modo da ritardare e impedire che si affrontino i problemi veri.


Per iniziare, Renzi promette 500 milioni per la riqualificazione delle periferie delle aree metropolitane. Vale a dire che i 500 milioni vanno divisi perlomeno per 8 e che ogni città metropolitana avrà circa 60 milioni. Cosa si riqualifica per esempio a Roma o a Napoli con una simile cifra?

Ancora. Renzi promette altri 300 milioni di euro per tutti i cittadini italiani che compiono 18 anni come “benvenuto nella comunità dei maggiorenni” (o “come benvenuto nella comunità dei votanti”). Vuol dire che ogni nuovo votante diciottenne “italiano” avrà una “card” di 500 euro da spendere in attività culturali: acquisto libri, concerti, eccetera.

Come al solito piuttosto che intervenire sul piano strutturale si preferisce continuare ad elargire “mance” di stampo mafioso e puntare sui ritorni elettorali, coerente con l’azione di questo governo finalizzata allo smantellamento dello Stato sociale e dei diritti e alla conseguente privatizzazione dei servizi, della conoscenza, della formazione e della cultura.

In Italia dal 2003 al 2014 hanno chiuso 857 sale cinematografiche, quasi tutte “sale di città” e quasi tutte trasferiti in centri commerciali; chiudono sistematicamente librerie e teatri; nelle periferie vengono “sgombrati” i centri sociali e i luoghi collettivi di “integrazione”, produzione e fruizione culturale; dal 2009 ad oggi il fondo di finanziamento ordinario per l’università è diminuito di 800 milioni (solo nel 2015 di 87,4 milioni); dal 2010 ad oggi ci sono 163,500 iscrizioni in meno all’università; solo il 43 percento degli studenti riesce a concludere il percorso universitario (in Inghilterra il 79,4 percento); l’abbandono scolastico è del 17,75 percento. Tutto questo si risolve con il bonus ai diciottenni?

Se si vuole davvero usare l’ “arma” della cultura allora occorre un enorme investimento pubblico per rendere reale (cioè per tutti) il diritto allo studio e il diritto alla produzione e alla fruizione della cultura: occorrono investimenti per garantire che l’accesso alla formazione sia realmente gratuito e senza oneri per le famiglie e per consentire a tutti l’accesso agli studi universitari; occorrono investimenti per consentire ai teatri, alle sale cinematografiche, ai musei, alle sale da concerto di abbassare i costi dei biglietti oggi proibitivi per la maggior parte delle famiglie; occorrono investimenti nella cultura per garantire la possibilità di una produzione libera ed indipendente; occorrono investimenti per impedire la chiusura delle librerie.

0 commenti:

Posta un commento