BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

giovedì 19 novembre 2015

DONNE e...donne...

<Quando ho il dito sul grilletto della mia pistola >> scrive il comandante di una delle unità femminili <<penso alle donne curde, a tutte le donne del mondo e a coloro che hanno a cuore la libertà e la pace>>.
Queste Donne rappresentano la resistenza curda che da anni ormai combatte i terroristi dell’Isis e va sottolineato che la maggior parte di loro sono musulmane. Chi oggi resiste e combatte il sedicente stato islamico in larghissima parte è musulmano. Ricordiamolo quando rivolgeremo un plauso a chi scrive “bastardi Islamici”.
Ricordiamolo quando per la testa ci passerà l’illusione che la lotta dura l’abbia cominciata l’occidente solo da un pugno di mesi.
Ricordiamolo quando pretenderemo che un miliardo e mezzo di musulmani prendano pubblicamente le distanze dallo Stato Islamico, da qualcosa che di fatto non esiste, quando il loro tributo di sangue e lotta quotidiano passa in sordina solo in occidente.
Ricordiamolo quando penseremo alla Turchia di Erdogan, che è il primo e più utile interlocutore dei pasi occidentali, che queste combattenti Curde le sta letteralmente massacrando.
Ricordiamolo, perché ci sono domande che aspettando ancora delle risposte che una buona parte dell’occidente prima o poi dovrà dare, perché questo cerchio del male, di terrore e di morte si dovrà chiudere ed in questo cerchio la supremazia occidentale ha sempre occupato un posto d’onore.
Fonte: il punto d.  posted by Lucia Coluccia
Leggendo questo e pensando alla splendida riflessione di Maria Teresa di Calcutta..sull'ineluttabilità dei segni del tempo che possono segnare i volti delle donne e che raccontano la loro vita, le occhiaie..la stanchezza ma mai la cedevolezza di fronte alle avversità e trovare le risorse la forza di continuare a camminare guardando avanti e senza voltarsi per rimpiangere la bellezza esteriore..credo che sia giunta l'ora che post come quelli di: Il punto d. dovrebbero girare a manetta per entrare nei cervelli di quelle donne che invece rifiutano il loro essere...modificano, cambiano e mostrano con orgoglio la loro vacua lotta contro la natura ed i segni del tempo..il loro volto non racconta alcuna storia...solo una vita liscia...troppo liscia per essere vera...e la loro solitudine traspare ...più passa il tempo e più traspare...malgrado il disperato tentativo di nasconderla...è inutile cercare di tradire la realtà e chi ti guarda si sente imbrogliato a lungo andare si diventa poco credibili..
Sono una che non ama mostrare il volto, cosa assai criticata nel mondo virtuale...non per le rughe esse rappresentano la storia dei miei ormai 57 anni...ma proprio perchè è la mia storia ..e la ritengo personale (ho ceduto alle insistenze)...perchè vorrei mostrare sorrisi gaudiosi...ma se così fosse quanta ipocrisia nel sorriso. Ci sono DONNE che combattono non i segni del tempo, che non correggono il loro essere...tanto è pure tempo perso...ma combattono per la libertà, il rispetto, con coraggio..hanno occhi bellissimi...e sono vere...
Riccarda Balla

0 commenti:

Posta un commento