BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

domenica 5 aprile 2015

Serve una Rivoluzione relazionale

La nostra società si basa, come ben si sa, sull'apparenza, la superficialità e l'arrivismo. Tutti ci lamentiamo di ciò, ma purtroppo facciamo ben poco per cambiare tale situazione.



Il fatto è che effettivamente la nostra società è quasi totalmente corrotta, a partire dal basso fino  ai vertici.

A livello quotidiano, grazie anche alla diffusione ossessiva di questi da parte della cosiddetta "cultura" di massa dominante, i modelli più seguiti sono quelli cosiddetti "cool", basati sull'arroganza, l'ignoranza e l'estrema superficialità.

Ciò produce un sistema politico sempre più marcio e basato sul clientelismo, quello  economico e monetario è fondato sull'arrivismo, sempre più spesso sullo sfruttamento lavorativo e sull'usura ( si pensi al sistema di creazione del denaro e allo strapotere dell'alta finanza).

Così nella vita quotidiana, come nella politica internazionale o nel sistema economico e sociale.

Caratteristiche come la gentilezza, la sensibilità e altro non hanno reale spazio in essa, a parte la solita e falsa retorica lode di questi aspetti nella società o ogni tanto negli stessi media. L'atteggiamento predatorio,parassitario e "vampiresco" è la "norma".

Sembra assurdo, ma non lo è poi così tanto se ci si riflette bene.

L'individuo arrogante e opportunista, il politico corrotto e truffatore, il bullo scolastico, l'industriale arrivista, il mafioso, il violento e il potente banchiere internazionale, nonostante evidenti differenze formali, nella sostanza sono accomunati dallo stesso spirito di distruzione dell'Altro a vantaggio dei propri interessi di dominio e controllo.

Tali modelli sono a parole ripudiati e condannati (nei programmi televisivi, nella società), ma nei fatti elogiati e invidiati.

Infatti, spesso invece di provare orrore verso questi, se ne ha invidia, o comunque si tenta sempre di rassegnarsi e minimizzare tale situazione, quando invece dovrebbe essere cambiata al più presto.

Partendo dalla quotidianità si può fare molto.
Prima di tutto rifiutando i distruttivi modelli e le illusioni veicolate dai media, e in seguito cambiando la propria percezione e valutazione sociale: non deve contare ciò che è "cool" e/o "figo", ma ciò che merita, quindi la sostanza al posto dell'apparenza e dell'immagine.

Le caratteristiche antisociali, predatorie e arriviste, così diffuse nella nostra società in modo indiretto e diretto, non dovrebbero più avere l'importanza che hanno oggi, così come il primato  narcisista dell'esteriorità (culto della forza fisica, del corpo ecc ), che ha del tutto soppiantato l'interesse per l'interiorità, che dovrebbe tornare ad essere considerata importante ...

Bisognerebbe smetterla di alimentare questo circolo vizioso, smetterla di invidiare, imitare e ispirarsi a questo o quel VIP e/o sportivo miliardario e cose del genere, spesso individui "perfetti" solo in apparenza, ma che mercificando sé stessi, hanno venduto la propria anima a un'effimero quanto passeggero "successo", fondato sulla loro immagine piuttosto che sui reali meriti.

Provare a essere sé stessi, anche con tutti i limiti che questo comporta, può essere la migliore soluzione.

Non sarà una scelta "cool", ma perlomeno si è più veri di chi ha preferito vendere il reale sé stesso nel nome della moda e del proprio Ego.

Privilegiare e promuovere atteggiamenti come la gentilezza, la sensibilità e anche una certa umiltà, non sarà "figo", ma perlomeno è più umano di chi è illuso che la vita sia un'eterna passerella.

Questa è una reale Rivoluzione, una Rivoluzione relazionale e Consapevole che può portare a un reale miglioramento di sé stessi e degli altri, e di conseguenza dell'intera società.

0 commenti:

Posta un commento