BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

sabato 18 aprile 2015

Renzi vò fa l'americano

Si resta a Shinland, o magari si torna in forze a Herat con parà e alpini. Parola di Renzi, che nel faccia a faccia con Obama lo impressione per sfrontatezza ed “energia”, così la definisce il presidente statunitense ben felice dello zelo militarista del premier italiano. Il quale oltre a tessere le lodi del modello americano, inseguito con passione e propinato a piene mani sul versante economico-lavorativo del Belpaese, ribadisce la posizione di supporto assoluto alla politica estera Usa. In questo non differenziandosi da predecessori di partito e delle altre sponde politiche nazionali. Poiché in Afghanistan, nonostante i piani dell’exit strategy, la linea del grande ritiro statunitense ha vissuto adattamenti tattici, sia prima che dopo la firma al Bilateral Security Agreement col mantenimento di 13.000 marines e sicuramente anche di qualche migliaio di contractors sparsi attorno alle basi aeree presenti e rafforzate.

A Kabul, Bagram, Kandahar, Camp Marmal, Herat, Mazar-e-Sharif, Jalalabad, Khost la Nato prepara la sua ‘presenza duratura’ incentrata su Falcon e droni per le azioni antiterroristiche nelle aree a rischio, quelle tribali delle Fata e non solo. I “nostri ragazzi”, come amano definirli a Palazzo Chigi, tuttora sul territorio afghano sono 1.500, in gran parte concentrati a Camp Arena, la base di Herat dove la presenza aveva raggiunto anche il doppio, quando nel 2011 i militari italiani nell’Isaf contavano una punta di poco inferiore alle 5.000 unità. E accanto a questi soldati dichiarati ufficialmente, c’erano anche gli uomini fuori lista, quelli coperti da segreto in quanto inseriti nei gruppi d’attacco (la Task Force 45 era una di queste) della ‘guerra sporca’ praticata con rendition e omicidi mirati studiati e preparati dalla Cia. E finiti, in varie occasioni, con stragi di civili, meglio noti come “danni collaterali”.

Duecento incursori nostrani (carabinieri, parà, marò) al totale servizio di graduati statunitensi di cui si cominciò a parlare a mezza bocca, per poi tacere subito dopo, solo a seguito del tragico ritorno in bara di uno di loro: il tenente Romani. Lo slancio obbediente di Renzi ai piani e disideri di Washington potranno riportarci in prima linea, e rivedere il nostro Parlamento trovare nuove copertura finanziarie per la missione. Chissà se ci si limiterà all’uso delle armi o si tornerà su questioni già trattate e tutte puntualmente fallite: dalla formazione di esercito e polizia (cresciute numericamente ma infiltratissimi dai talebani), all’apparato amministrativo inefficiente e corrotto, a quello giudiziario ennesimo flop dei tredici anni afghani. Forse l’efficientismo dello staff renziano introdurrà pozioni magiche utili anche agli alleati d’Oltreoceano. Per ora Obama apprezza e brinda col vino ricevuto in dono.



articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

0 commenti:

Posta un commento