BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

giovedì 16 aprile 2015

L'attuale aumento del militarismo porta benefici solo all'elitè e non per l'economia

Il Militarismo e le spese militari sono ovunque in aumento, così come la propaganda della nuova guerra fredda sembra dare i primi frutti. Le nuove "minacce" che vengono pubblicizzate portano grandi profitti per gli appaltatori militari e la rete di think tank che pagano per la produzione della propaganda a favore della guerra.
Qui ci sono solo alcuni esempi:
Il governo tedesco ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe acquistato altri 100 carri armati "Leopard" - un aumento del 45 per cento delle scorte del paese. La Germania aveva notevolmente ridotto il suo inventario di serbatoi visto che la fine della guerra fredda ha significato la fine di qualsiasi minaccia di un'invasione di terra sovietica dell'Europa. Il governo tedesco sostiene ora che questi 100 nuovi serbatoi, che possono costare quasi mezzo miliardo di dollari, sono necessari per rispondere alla nuova assertività russa nella regione. Non importa che la Russia non ha né invaso né minacciato qualsiasi paese della regione, tanto meno uno membro della NATO.
Il bunker nucleare statunitense della Guerra Fredda vicino a Cheyenne Mountain, in Colorado, del tutto chiuso nei 25 anni dalla caduta del muro di Berlino, è stato riportato in vita. Il Pentagono ha impegnato quasi un miliardo di dollari per aggiornare l'impianto della precedente guerra fredda a livello di operazioni.Raytheon sarà il primo beneficiario di questo contratto. Raytheon è uno dei principali sponsor finanziari di think tank come l'Istituto per lo Studio della Guerra, che sfornano continuamente propaganda a favore della guerra. Sono sicuro che questi grandi contratti sono un buon ritorno sull'investimento.
La NATO, che a mio avviso avrebbe dovuto essere chiusa dopo che la guerra fredda si è conclusa, ha anche sempre un proprio aggiornamento massicciamente costoso.L'Alleanza ha commissionato una nuova sede a Bruxelles, in Belgio, nel 2010, che dovrebbe essere completato nel 2016. L'edificio si presenta come una costruzione orrenda, e il costo finale - se è mai finito - sarà ben più di un miliardo di dollari . Che è più di due volte di quanto originariamente preventivato. Che spreco! C'è da stupirsi che i burocrati e i generali della NATO continuamente cercano di terrorizzare noi con racconti della nuova minaccia russa? Hanno bisogno di giustificare i loro piani di espansione!

Allora, chi è il vero nemico? I russi?
No, il vero nemico è il contribuente. Il vero nemico è la classe media e i settori produttivi dell'economia. Noi siamo le vittime di questa nuova spesa militare fuori controllo. Ogni dollaro o euro speso in una minaccia artificiosa è un dollaro o euro tolto dell'economia reale e sprecato. Si tratta di un dollaro rubato da un piccolo imprenditore che non sarà investito in innovazione, destinato alla ricerca per combattere le malattie, o addirittura donato a enti di beneficenza che aiutano i bisognosi.
Uno dei miti più diffusi e pericolosi del nostro tempo è che le spese militari sono a vantaggio di un'economia. Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Tale spesa beneficia un sottile strato di élite ben collegate e ben pagate. Si tolgono risorse scarse per soddisfare le esigenze e i desideri di un popolo per canalizzarle in strumenti di produzione di distruzione. I costi possono essere nascosti dal denaro-stampa delle banche centrali, ma sono poi realizzati nella distruzione costante di una valuta.
Le "élite" sono terrorizzate che la pace possa finalmente scoppiare, visto che ciò sarà un male per i loro profitti. Questo è il motivo per cui stanno cercando di affossare l'affare Iran, il disgelo con Cuba, e ci assillano con la paura di un nuovo "Terrore Rosso" proveniente da Mosca. Non dobbiamo farci ingannare a credere alle loro bugie.


0 commenti:

Posta un commento