BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

lunedì 13 aprile 2015

La primavera e i fiori come archetipi

Fiore nel suo significato etimologico di radice indoeuropea, significa gonfiare, traboccare, sbocciare e dal greco: gonfio , trabocco, divento tumido, turgido.
É un vero e proprio “traboccare” di bellezza incalcolabile, quello dei fiori. Attrazione sensuale di forme e di profumi che ci rendono ben disposti, provocano un’espansione del cuore e leggerezza della mente. Si tratta di raffinati archetipi che trasmettono qualità di amore e sentimenti attraverso una bellezza limpida e potente.
I fiori sono la forza vitale che spinge dal fusto, un vero e proprio vocabolario emozionale dello spirito dirompente. Da millenni gli uomini scandiscono i momenti della loro vita dando ad ogni fiore dei significati.
I fiori sono l’esempio perfetto di come le forme archetipiche serbino qualità e caratteristiche, costituendo un vero e proprio linguaggio del mondo spirituale.
Dalla mitologia alla filosofia, alla medicina, esiste un’ampia letteratura sul potere benefico dei fiori, noi siamo pronti per assistere al loro sbocciare, alla rinascita, al miracolo che ogni anno si fa festa del corpo e dello spirito!
Ti è sufficiente la specie della figura che hai dinanzi e non ti sono necessarie altre parole per giungere alla dimostrazione… ognuno riconosce nel volto misterioso dell’archetipo il proprio sigillo ed i segreti…Non vi sono principio, misura e figura che non derivino da uno di codesti ordini…Riterrai feconde queste figure, non solo perché comprendono i presupposti di ogni genere di misura, ma anche perché, con la loro configurazione, rappresentano l’archetipo ed il sigillo delle cose.
Giordano Bruno: De Minimo


0 commenti:

Posta un commento