BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 3 aprile 2015

Crescono le discriminazioni sul lavoro: più colpiti i marocchini e i romeni

Straniero, maschio, età 35-54 anni: è con queste caratteristiche che una persona rischia più di altre di essere discriminata sul lavoro. È quanto emerge dai dati dell'Unar, l'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali.
Su 252 casi segnalati nel 2014, il 53,6% riguardava casi di discriminazione etnica. Quasi sempre - 79,7% degli episodi - nell'accesso all'occupazione. "Si va da casi in cui la persona non è stata assunta, a parità di competenze con altri, per il cognome di origine straniera - spiega Marco Buemi dell'Unar - a quelli in cui nel momento del colloquio, di fronte al lavoratore con la pelle scura, il datore di lavoro ha detto che non aveva più bisogno di un nuovo dipendente". Il 54,3% delle vittime è maschio. Per quanto riguarda l'età, il 12,8% ha meno di 35 anni, il 67,1% dai 35 ai 54 anni e il 7,4% è over 55. Tra le nazionalità più discriminate, marocchini (19% delle denunce) e romeni (9,5%). "L'Unar interviene cercando di mediare tra lavoratore e impresa - aggiunge Buemi - e spesso la situazione si risolve positivamente".

Rispetto al totale delle denunce di discriminazione giunte all'Unar, quelle riguardanti il mondo del lavoro sono state pari al 18,8% con un incremento del 2,8% rispetto all'anno precedente. Al primo posto rimangono comunque le discriminazione causate dai mass media, pari al 24,9%.
L'età è il secondo fattore di discriminazione nel mondo del lavoro: nel 2014 ha riguardato il 34,9%, mentre la disabilità il 4,8%, l'orientamento sessuale il 2,4%. Gli episodi vengono segnalati in prevalenza dalle vittime (37,3%), anche se in misura minore rispetto al passato. Sono invece in aumento le segnalazioni provenienti dalle associazioni (27,4%) e dai testimoni (26,6%).

La presentazione dei dati è avvenuta durante la Conferenza "Il lavoro che include" organizzata, oltre che da Unar, anche da Fondazione Sodalitas, Fondazione Adecco e People, nell'ambito di Diversitalavoro, il Career forum delle pari opportunità che dal 2007 facilita l'accesso al mercato del lavoro a persone con disabilità, appartenenti alle categorie protette, di origine straniera e transgender, coinvolgendo imprese e istituzioni. Nel 2014 hanno partecipato ai quattro Career forum diversitalavoro, organizzati a Napoli, Milano, Roma e Catania, oltre 1.200 candidati, che hanno potuto sostenere colloqui con 41 aziende. Durante la Conferenza di questa mattina è stato anche consegnato uno speciale riconoscimento, il Diversity&Inclusion Award, alle imprese che nel 2014 hanno inserito nella propria azienda persone incontrate durante gli incontri di Diversitalavoro: American Express, Banca Popolare di Milano, Edison e Intesa Sanpaolo.

Nei prossimi mesi sono previste altre tappe di Diversitalavoro a Milano (3-4 giugno), Roma (26 novembre) e Varese: qui verrà proposto un percorso di avvicinamento che partirà ufficialmente il prossimo 21 maggio con l'evento pubblico "Diversità e inclusione nel mondo del lavoro".

0 commenti:

Posta un commento