BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 13 marzo 2015

Salario minimo anche in Italia

Anche l'Italia dovrebbe aprire a breve all'introduzione del salario minimo. Un provvedimento da inserirsi nei decreti attuativi del Jobs Act e che andrà a colmare un vuoto normativo se è vero che, ad oggi, l'Italia è uno dei pochi paesi avanzati a non avere ancora un salario minimo.

La Germania, che ci faceva compagnia in questa mancanza, ha colmato la lacuna con un provvedimento ad hoc emanato lo scorso anno. Ora è il turno dell'Italia e si parte tra dubbi e proteste dei sindacati.
Si perchè quando si parla di salario minimo garantito si entra in un argomento delicato; un campo minato nel quale non è facile muoversi e che spesso porta a generare confusione. Soprattutto in tema di significato del concetto. Quanti sanno veramente cos'è il salario minimo? Forse in pochi; un po' per mancanza di interesse un po' per carenza di informazioni (o, peggio ancora, informazione errata).
Il primo errore nel quale tutti incappano è quello di accostare il salario minimo al reddito minimo. Sono due cose completamente distinte.

Differenza tra Salario minimo e Reddito minimo

Il reddito minimo è un provvedimento che va a riguardare l'introduzione di un sussidio a sostegno di tutti i cittadini inoccupati, disoccupati o precari che abbiano determinati requisiti; ad esempio essere iscritti nelle varie liste di collocamento, centri per l'impiego ecc...e avere una condizione economica e patrimoniale particolarmente svantaggiata.
Una somma di base che viene riconosciuta a chi versa in condizioni critiche per assicurargli di sopravvivere in modo dignitoso. E che riguarda perlopiù chi è senza lavoro. Ben diverso è il salario minimo: prima di tutto perchè va a riguardare chi invece un lavoro lo ha. Per salario minimo si intende sostanzialmente una soglia economica minima riferita ai salari dei dipendenti e sotto la quale non si può scendere.
In sostanza, un lavoratore non può guadagnare meno di una certa cifra. Vi è poi un' altro provvedimento cui spesso si fa riferimento, un po' più utopico e di difficile attuazione per la verità; è stato ed è tuttora la base del programma politico del Movimento 5 Stelle ad esempio. Si tratta del reddito di cittadinanza.
Si parla qui di un reddito di base da erogarsi a tutti i cittadini, senza distinzioni sociali o lavorative, per permettere al cittadino stesso di potersi garantire già di base una vita sociale dignitosa come consumatore. In questo modo si va anche a far girare l'economia generando ricchezza.

Caratteristiche del Salario minimo
Il salario minimo quindi, di cui si sta parlando in questo momento storico in Italia e che dovrebbe diventare realtà, è un provvedimento che va a tutelare determinate categorie di lavoratori dipendenti. Si parla qui, è bene dirlo onde evitare altri errori nei quali si incappa parlando di salario minimo, di lavoratori senza contratto collettivo. Salario-minimo-Italia
Ovvero, il tipo di contratto che viene sottoscritto a livello nazionale tra i datori di lavoro ed i rappresentanti dei lavoratori; vale a dire i sindacati. Quindi tutti i lavoratori che non rientrano in una contrattazione nazionale avranno diritto a godere comunque di un salario minimo.
Anche per queste ragioni i sindacati non hanno accolto di buon grado questa ipotesi di introdurre un salario minimo per i lavoratori senza contratto collettivo; vedono in questa operazione un tentativo di tagliarli fuori.

Come è in Germania e come potrebbe essere in Italia

Come detto, lo scorso anno la Germania, che ancora non aveva un salario minimo, si è adeguata introducendo una normativa sul tema. Si è andati a introdurre una soglia minima di 8,5 euro e la novità ha riguardato quasi 4 milioni di lavoratori.
In Italia si sta discutendo su quella che dovrebbe essere la soglia al di sotto della quale non si può scendere. Le prime cifre parlano di 7 euro l'ora come cifra orientativa di riferimento. Vedremo cosa succederà anche in riferimento a quella che potrebbe essere la controffensiva dei sindacati; un muro contro muro, l'ennesimo, potrebbe essere all'orizzonte

0 commenti:

Posta un commento