BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 24 febbraio 2015

Per quanto tempo è per sempre? a volte è solo un secondo...

«Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell'anima.
Il passato non esiste in quanto non è più,
il futuro non esiste in quanto deve ancora essere,
e il presente è solo un istante inesistente di separazione tra passato e futuro.» Sant'Agostino


Oggi lo dedico al tempo, il tempo che è a nostra disponibilità e sta solo a noi sfruttarlo o sprecarlo, sprecare o sfruttare proprio quell'istante del presente, per dirla molto semplicemente approfittiamo di Bianconiglio che risponde alla domanda di Alice: per quanto tempo è per sempre? A volte è solo un secondo.

Il tempo di un caffè

Quel secondo può essere tanto, tutto quel secondo magari è la svolta della vita, quel secondo può rappresentare la gioia, la gioia di un secondo che puoi dare o ricevere o il dolore di un secondo....entrambi ti rimangono dentro, come certi sogni che te li porti dietro, il tempo passa tu cambi, il tempo ti muta perchè nel tuo tempo entrano anche gli altri...ma i sogni che hai dentro rimangono..

Si rincorre il tempo, lo si brucia, non ci si ferma, bisogna solo guadagnare tempo, si è tirchi con il tempo, poca disponibilità di dedicarlo agli altri o di perderne un pò con gli altri...che ne fai del tempo che hai così guadagnato? nulla in realtà nulla perchè alla fine non hai visto,  vissuto molte cose...ma sopratutto hai negato a te stesso di conoscere meglio gli altri.

Gli altri si guardano in viso, si guardano negli occhi...anche quando si discute, ci vuole tempo per capire, perdonare e o farsi perdonare, neghiamo questo tempo, il male rimane e ti rimetti a correre...ma il tempo, quel momento che è lunghissimo, è veloce a farti capire molte cose..ma tu sei in ritardo devi correre...non importa, domani ci sarà altro tempo con altre corse,  altri sfuggevoli incontri....

Il tempo ci lascia soli, ce lo possiamo dedicare tutto a noi stessi o...magari come un pronto soccorso, dobbiamo anche figurare buoni ed altruisti per placare il nostro egoismo...usiamo il codice colore per dare più o meno importanza  alle persone a cui "bontà nostra" decidiamo di donare un pò del nostro tempo....altrimenti usiamo il codice nero...e la sabbia della clessidra è finita sulle scarpe.


Riccarda Balla

0 commenti:

Posta un commento