BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

lunedì 23 febbraio 2015

Astronomia: il disco protoplanetario che circonda Beta Pictoris

Ecco Beta Pictoris, l’immagine ripresa dal telescopio Hubble a distanza di 15 anni, nel 1997 e nel 2012. Il suo aspetto non è cambiato molto, ma gli esperti hanno potuto catturare più dettagli attorno alla stella nella costellazione del Pittore, la seconda più brillante dopo Alfa Pictoris.
La sua distanza dal sistema solare, è pari a 63,4 anni luce ed è una stella giovane, con un’età stimata non superiore ai 20 milioni di anni. Ha una luminosità nove volte superiore quella del Sole.

La stella mostra un eccesso di radiazione infrarossa rispetto alle altre stelle della sua classe, causata dalla grande quantità di polveri e gas presente attorno ad essa. Osservazioni dettagliate hanno rivelato la presenza di un grande disco protoplanetario: il primo disco circumstellare ad essere osservato attorno ad un’altra stella e l’unico che ospiti un pianeta gigante, Beta Pictoris b, scoperto nel 2009 in luce infrarossa dal Very Large Telescope dello European Southern Observatory. Il disco Beta Pictoris è estremamente polveroso e ciò può essere dovuto alle collisioni tra corpi delle dimensioni simili a quelle di un pianeta e di un asteroide.

Gli astronomi ritengono che la distribuzione della polvere del disco sia cambiata solo lievemente in 15 anni, nonostante il fatto che l’intera struttura è in orbita intorno alla stella. Secondo i ricercatori Beta Pictoris è il primo e miglior esempio di come appare un giovane sistema planetario.

0 commenti:

Posta un commento