BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

sabato 24 gennaio 2015

La Giornata della Memoria: alcune riflessioni

Oggi è il 27 gennaio, la giornata dedicata a ricordare la Shoah e i crimini commessi dal nazifascismo durante la Seconda Guerra Mondiale. Questa giornata sarà accompagnata da eventi, programmi televisivi, incontri culturali e buona parte delle personalità politiche nazionali e internazionali affermeranno che non bisogna dimenticare, affinché gli orrori del passato non si ripetano.


in tale giornata si tende a sottolineare l'unicità dell'Olocausto e del nazifascismo, definito "male assoluto" e considerato come "ombra" ancestrale della modernità, eppure urge riflettere su questa presunta unicità.
Senza Sminuire la valenza di questa giornata, sarebbe utile che il "non dimenticare" sia esteso anche ad altri genocidi che hanno insanguinato il Novecento, non devono essere lasciati nel dimenticatoio.

Si pensi ad esempio all' Holodomor, lo sterminio di più di 7 milioni di ucraini sotto il regime di Stalin, sterminio che per lungo tempo è stato nascosto all'opinione pubblica, principalmente per il fatto che Stalin e l'URSS erano stati annoverati nel campo dei "buoni" nel secondo conflitto mondiale, in quanto alleati con l'Occidente nella lotta contro il nazifascismo.

Tralasciando le altre 22 milioni vittime dello stalinismo, si pensi allo sterminio di più di 2 milioni di armeni eseguito da parte dell'Impero Ottomano, eppure anche di esso se n'è parla da poco e con cautela, visto che il governo turco ufficialmente lo nega e censura chiunque osi parlarne.

Si pensi al genocidio cambogiano avvenuto sotto il regime di Pol Pot e dei cosiddetti "khmer rossi", con 2 milioni e mezzo di persone sterminate su una popolazione di 7 milioni, o a quello indonesiano sotto il generale filo-statunitense Suahrto, sempre più di 2 milioni di persone sterminate per ragioni politiche.

Senza dimenticare lo sterminio "indiretto" di circa 30 milioni di persone compiuto in Cina da Mao Tze Tung, o tanti altri che sono avvenuti più recentemente, ciò che accomuna tutti questi genocidi è la volontà di annientamento dell' Altro, sia esso diverso dal punto di vista dell'etnia, della religione, della classe sociale o dell'orientamento politico o di altro tipo, eppure sembra che le vittime di questi "altri Olocausti" siano da considerarsi di serie B, in quanto non rientranti storicamente nella parte dei "vincitori".

Urge anche una riflessione di carattere ideologico. Non è tanto il nazifascismo il "male assoluto", ma la causa di tanto male che ha insanguinato il Novecento è da ricercarsi semmai nell'impulso totalitario e distruttivo comune a tutte le grandi ideologie che hanno animato il "secolo breve", sia il socialcomunismo reale che il nazifascismo.


Certamente non sono gli ideali di per sé il problema, ma la loro strumentalizzazione e il fanatismo derivante, come d'altronde avviene con la religione .

Ora, sarebbe il momento di voltare pagina e fare in modo che essa possa diventare realmente ricordo, non solo della Shoah ma più in generale dei tremendi crimini che hanno attraversato il Novecento, lasciandosi alle spalle questo tragico secolo e i suoi "fantasmi" che purtroppo continuano a girare.

0 commenti:

Posta un commento