BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

mercoledì 17 dicembre 2014

Ecco il cielo tutto stellato: si volta il foglio e si vede..... Stato della Palestina..si volta il foglio e.. via embargo da Cuba...

Il Parlamento europeo ha approvato a maggioranza un documento che riconosce "in linea di principio" lo Stato palestinese in base ai confini del 1967.
Il Parlamento di Strasburgo ha approvato ad ampia maggioranza una risoluzione sottoscritta da quasi tutti i gruppi che sostiene "in linea di principio" il riconoscimento dello Stato della Palestina sulla base dei confini del 1967, appoggia la soluzione a due Stati con Gerusalemme capitale ed esorta la ripresa dei colloqui di pace. La risoluzione è passata con 498 sì, 88 no e 111 astensioni. Un grande applauso di una larga parte dell'Aula di Strasburgo ha accolto il voto, definito "storico" da molti osservatori. In particolare, la risoluzione è stata il frutto della convergenza dei testi presentati da cinque gruppi, quello del Ppe, del S&D, della sinistra Unita (Gue), dei liberali e dei Verdi, appoggiata anche da alcuni esponenti del M5S



ISRAELE - Durissima la reazione di Israele al voto europeo. "Oggi abbiamo visto un esempio sconvolgente dell'ipocrisia europea" ha commentato il premier Benyamin Netanyahu. "A quanto pare - ha aggiunto il numero uno di Tel Aviv - troppe persone in Europa, nella stessa terra dove 6 milioni di ebrei sono stati massacrati, non hanno imparato alcunché"  Fonte: UNIONESARDA



La risposta di Israele mi lascia perplessa...perchè forse si potrebbe aprire una pagina di pace tra i due popoli, non tanto per i vecchi...ma per i bambini del futuro...pensando a loro forse si potrebbe rinunciare da ambe le parti a prevaricazioni....pensiamo al futuro degli altri...noi non siamo eterni....rendiamo il futuro degli altri un futuro meno egoista....Vale per entrambi i popoli, nessuno dei due ha mai avuto pietà. eppure tutti hanno un passato di lacrime...

L'europa ricorda le vittime del nazismo, a dimenticarle a volte sono proprio alcuni ebrei...prendete questo segno come ponte di pace e civile convivenza...guardate il futuro...non guardare mai indietro...perchè se guardate sempre indietro vi sentirete sempre vittima di qualcuno ed il desiderio di rivalsa avrà la meglio...ma meglio la civile convivenza. oh no? chiedetelo alle madri  rimaste senza figli , da ambe le parti.



 Riccarda Balla





L'AVANA - L'embargo è superato, l'isolamento non ha funzionato. Cuba e gli Stati Uniti sono pronti a una nuova rotta e le 90 miglia di mare che li separano, da oggi tornano a essere solo acqua non più una barriera. La svolta storica è stata annunciata intorno alle 18 ore italiane, a distanza di dieci minuti l'uno dall'altro, dal presidente americano Barack Obama e da quello cubano Raul Castro. Cinquacinque anni dopo l'embargo, 'el bloqueo', nei confronti dell'isola caraibica e la rottura delle relazioni diplomatiche, l'annuncio dei due leader che prima di parlare alla nazione si erano sentiti al telefono, è avvenuto lo stesso giorno della liberazione del contractor americano Alan Gross - rilasciato da Cuba dopo cinque anni di prigionia - e di un agente cubano che lavorava per i servizi segreti  americani. In cambio gli Usa hanno liberato tre membri dell'intelligence di Cuba.

"Porremo fine a questo approccio ormai vecchio", ha detto Obama in piedi di fronte alle telecamere, in diretta tv. "Riprenderemo le relazioni diplomatiche", ha fatto eco Castro, seduto alla scrivania, in divisa, da Cuba, poco dopo. "Cominceremo a normalizzare le nostre relazioni, c'è una storia complicata ma adesso inizia un nuovo capitolo", ha continuato il capo della Casa Bianca. "Le cose principali sono state risolte. Questo non vuol dire che l'embargo economico sia stato risolto. Restano delle differenze", ha specificato Castro nel suo discorso, aggiungendo che "la decisione di Obama di imprimere una svolta ai rapporti merita il rispetto e la riconoscenza del nostro popolo". Un primo passo importante, sancito e favorito da papa Francesco. Entrambi i presidenti lo hanno ricordato e hanno ringraziato Bergoglio "per la sua mediazione nel dialogo". E il Pontefice, a sua volta, dopo i due discorsi, ha espresso "vivo compiacimento per la storica decisione dei due governi" Fonte.R.it .
Altra pagina di storia..speriamo che sia la vera svolta...molti se..mi pare che ancora esistano...Cuba follemente amata da molti...che forse l'hanno un pò idealizzata..ma certo che malgrado l'embargo, con tenacia, forza (più o meno accettabile), ha mantenuto alta la testa!  Cuba, che ci riporta a grandi miti ...che..ma guarda un pò anche molti giovani d'oggi...conoscono...malgrado le chat.... ecco cosa è stata Cuba un mito....e come tutti i miti....hanno tante fragilità...ma sanno nasconderle bene o tirarle fuori al momento opportuno. Ora aspettiamo...Cuba era un mito proprio per l'embargo..da parte dell'odiato potere!....  Cuba era, è e spero sarà: Fidel Castro e Che Guevara....ma....i miti hanno i piedi d'argilla....dice Andy Garcia del Che: è il responsabile del "carnicero della Cabana", un luogo dove vennero uccisi un gran numero di cubani senza processo e senza difesa.  ..è sempre giusto leggere ed informarsi...tutto ci viene rifilato come si vuole..ma se si ascolta bene....molti che Cuba la conoscono..non ne sono poi così entusiasti... Ogni medaglia ha un suo rovescio...ma ci viene venduta sempre e soltanto mostrandoci il lato di "valore"... Comunque a parte questa manfrina personale, sono contenta per Cuba....ma perde molto del suo fascino! Comunque sia....è uno dei posti dove mi piacerebbe andare!  Riccarda Balla


.    




0 commenti:

Posta un commento