BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

domenica 30 novembre 2014

Una pedina in più....nel gioco .....

“I voti maledetti della mafia e del malaffare li rifiutiamo perché rappresentano il male principale della Sicilia: noi siamo una forza del territorio, radicata in tutte le province siciliane per dare rappresentanza al bisogno di lavoro presente nell’Isola, in un rapporto politico leale e responsabile col Pd, a sostegno del governo regionale”. “Abbiamo un gruppo di sei parlamentari e un assessore regionale che lavorano in modo instancabile per difendere gli interessi dei territori e dei cittadini – ha aggiunto Leanza – non siamo il partito dei deputati, ma quello della gente comune che vuole cambiare la Sicilia, creando le condizioni per lo sviluppo. Nessuno potrà permettersi di chiedere di entrare nel nostro partito per motivi d’interesse. La meritocrazia sarà il nostro criterio di selezione della classe dirigente”.

Leanza ha poi fatto riferimento ad un codice etico che punti a ”blindare” la trasparenza del nuovo partito: “Applicheremo un rigidissimo codice etico – ha detto –  impediremo qualunque contaminazione della nostra classe dirigente”

Bene, senza i voti della mafia....qui i casi sono due: o Leanza pensa di vivere in Lapponia, ma il caldo feroce che attanaglia la Sicilia, dovrebbe servire per riportarlo con i piedi per terra....o come al solito si lanciano slogan...e triti e ritriti...il fatto sta..che aggiungiamo un altro partito....ogni partito ha un orto, ogni partito vive di compromessi, leatà e/o slealtà a seconda dei bisogni personali..ogni partito è un costo per il popolo affamato. Se ragionassimo su questo....forse un bel: ORA BASTA!! (per essere gentile ed educata).  Riccarda Balla

0 commenti:

Posta un commento