BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 7 novembre 2014

OH DIO MIO!!! AVREMMO GUADAGNATO O UGUALMENTE PERSO NOI CITTADINI?


PALERMO. Per i giudici del Tar di Palermo le elezioni amministrative del 2007 nelle quali vinse Diego Cammarata su Leoluca Orlando nel capoluogo andavano rifatte. I vizi di legittimità c’erano tutti e occorrevano tempi più celeri per verificare le operazioni di voto e decidere anche di rifare le elezioni. E’ quanto si legge nella sentenza nel merito della prima sezione presieduta da Filoreto D'Agostino Estensore e Caterina Criscenti, Consigliere. Il ricorso era stato presentato da Leoluca Orlando allora sfidante del sindaco Cammarata.


I giudici del Tar alla luce del tempo trascorso hanno dichiarato improcedibile il ricorso, ma hanno sottolineato che il voto andava ripetuto. “Non v'è dubbio – dicono i giudici - che la denunziata irregolarità relativa alla consegna dei plichi, recanti la documentazione delle operazioni del seggio, a personale non identificato sia gravissima e determini, se riferita ad un numero elevato di sezioni, una valida ragione di annullamento dell'intero procedimento. In questo caso – aggiungono i giudici - l'irregolarità ha riguardato 192 sezioni su 600, cioè circa un terzo, con l'effetto di rendere seriamente perplesso l'esito dell'intera consultazione”. Per i giudici amministrativi servono tempi più celeri...MA VAH? Ora non so se sia stato un danno o meno, visto l'oggi...però sicuramente i tempi comodamente lunghi permettono che qualunque nefandezza venga fatta alla fine gli autori non pagano....e le conseguenze ricadono sui cittadini che dovrebbero essere meno inermi! Riccarda Ball

0 commenti:

Posta un commento