BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

lunedì 10 novembre 2014

ma l'acqua è un bene di tutti!!

Questo succede in un'Italia dove lo sperpero delle amministrazioni continua ad essere  alle stelle, dove si buttano gli agrumi per importare quelli esteri, dove si continuano a condonare le porcate d'alto livello e dove si fà finta d'ignorare lo stato di povertà di una moltitudine azzerata da una politica nefanda, da un egoismo che oramai investe tutte le categorie, il nostro è uno Stato che uccide, uccide i deboli, i fragili, le speranze, la dignità, siamo inermi? così inermi da permettere di continuare? così paurosi? così facilmente stupidi da continuare a credere a questa gentaglia che ha ridotto la nostra terra in una terra d'ingiustizie sociali?  Riccarda Balla


Morto d'infarto davanti agli operai della 'Girgenti acque' che gli stavano staccando l'acqua. E' accaduto a Lucca Sicula, paese dell'agrigentino. La vittima è Salvatore Tafuro, pensionato di 68 anni, che ieri al culmine di una discussione con i due dipendenti che si erano presentati nella sua abitazione, in via Mazzini, per il distacco del contatore, ha accusato un malore accasciandosi a terra.
L'uomo, che era un utente moroso, aveva chiesto una rateizzazione della bolletta alla società. A causa, però, delle difficoltà economiche non sarebbe riuscito a pagare l'ultima rata di ottobre di circa 150 euro. Così quando i due dipendenti si sono presentati a casa sua ha chiesto loro di non staccare la fornitura d'acqua assicurando che avrebbe saldato il proprio debito a novembre. Ne sarebbe nato un diverbio con gli addetti della società idrica e il pensionato, che soffriva di cuore, è stato colto da infarto.
"Casi del genere non si possono ripetere più - dice all'AdnKronos il sindaco di Lucca Sicula, Giuseppe Puccio -. Per questo motivo ho immediatamente contattato il prefetto Nicola Diomede, che mi riceverà lunedì mattina. I distacchi nel nostro territorio sono frequenti e io temo problemi di ordine pubblico perché la gente è stanca ed esasperata. Penso che possa verificarsi una vera e propria rivolta popolare". Ma il primo cittadino ha intenzione anche di rivolgersi al presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. "Spero mi riceva giovedì - dice -. Il sistema degli Ato idrici si è rivelato fallimentare. L'acqua è un bene prezioso, che deve restare pubblico. Chiedo che le reti siano consegnate ai Comuni e che siano le Amministrazioni comunali a gestire il servizio idrico".  Fonte: ADNKRONOS

0 commenti:

Posta un commento