BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

venerdì 7 novembre 2014

ma il Nazareno....che c'entra con i ladroni??


L’affondo di Matteo Renzi sulla legge elettorale è arrivato in serata, prendendo spunto da una domanda all’assemblea Anci a Milano sul fisco locale, dunque fuori tema: «Fatemela fare un’apertura a Forza Italia, già c’è il patto del Nazareno che scricchiola, ». Poco prima, parlando ai sindaci, il premier aveva difeso la necessità di un premio di maggioranza che permetta «a chi vince, al primo o al secondo turno, di essere il responsabile di fare le cose per cinque anni, di portare il programma a termine» e di una riforma che impedisca ai piccoli partiti «non di esistere, ma di esercitare un diritto di veto». (ah behhh)

Scintille con Fi. Toti: se vuole rompere il patto lo dica La battuta di Renzi - all’indomani dell’incontro con il Cavaliere e nel giorno dell’accordo Pd-M5S che ha portato all’elezione di Silvana Sciarra alla Consulta e di Alessio Zaccaria al Csm - rivela un confronto con Silvio Berlusconi arrivato quasi al capolinea. Sulla stessa lunghezza d’onda stamane la fedelissima Maria Elena Boschi, ministra delle Riforme: «Mi auguro che Forza Italia mantenga l’impegno ma se si tira indietro noi non ci tiriamo indietro, non lo possiamo fare, rispetto alla necessità e all’urgenza del Paese di avere una legge elettorale che funzioni e che garantisca governabilità». Immediata la replica di Giovanni Toti, che al Tg2 ha detto: «Se il governo intende rompere il patto lo dica hanno già cambiato l’accordo nove volte. Quello che chiediamo sono modifiche condivise».

Fonte IlSole24ore.


0 commenti:

Posta un commento