BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

martedì 4 novembre 2014

ISIS ..il temporeggiare da parte dell' Intelligence americana....

Già nel maggio, l'amministrazione Obama aveva informazioni   specifiche circa la posizione di  James Foley e altri ostaggi detenuti in Siria, una fonte vicina  a Fox News ha comunicato la notizia ma la missione di salvataggio è stato approvata solo all'inizio di luglio.


Il divario solleva nuovi e interessanti interrogativi sul fatto che l'operazione per salvare gli ostaggi americani e britannici è stato  ritardare per almeno cinque settimane, perché l'amministrazione ha voluto attendete l'Intelligence per sviluppare ulteriormente un piano di salvataggio.
"Abbiamo avuto un sacco di  buone informazioni su dove erano detenuti, informazioni molto specifiche", ha detto la fonte, che ha accettato di discutere i dettagli a condizione di anonimato a causa della delicatezza della materia. La fonte ha aggiunto che i rapitori Stato islamico  si sentivano così sicuri nella loro roccaforte di Raqqa, Siria, che gli ostaggi sono stati spostati solo  una manciata di khilometri  In tarda primavera, gli ostaggi americani e britannici erano stati tenuti per almeno tre settimane nella stesso posto. 
Il Governo degli Stati Uniti ha atteso l'autorizzazione da parte dell'Intelligence e quando l'occasione si è presentata  il presidente ha autorizzato il Dipartimento della Difesa a muoversi in modo aggressivo per salvare gli ostaggi.

  Lisa Monaco consigliere della Casa Bianca, ha detto che nel mese di agosto, dopo  l'esecuzione del gioralista e ostaggio James Foley "  la missione non ebbe  successo perché  nel frattempo gli ostaggi erano stati spostati
"Le forze americane hanno condotto questa operazione non appena il presidente e la sua squadra di sicurezza nazionale erano fiduciosiche la missione poteva essere effettuata con successo e coerenti con le nostre politiche per intraprendere tali operazioni", dice la nota rilasciata da Bernadette Meehan, portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale.

"L'intelligenza non è mai a prova di proiettile," ha detto un ex funzionario militare. ... ma vogliamo che il popolo americano sappia che ci sono lì per loro, e pronto ad andare 24 ore al giorno. "

In un'intervista a Fox News 'Greta Van Susteren trasmissione a metà settembre, dopo ISIS ha pubblicato il video dell'esecuzione di Foley, i suoi genitori hanno detto che anche  loro credevano che erano disponibili informazioni circa la posizione dell'ostaggio molto prima che il tentativo di salvataggio di luglio. 

"Era troppo tardi ho davvero la sensazione che -.. Beh, ci hanno fatto capire che sapevano dove si trovavano, accidenti,  ma era una missione pericolosa", ha spiegato Diane Foley. Forse in tempi diversi non avrebbero temporeggiato.

"Come tutti gli americani, crediamo sempre che il nostro governo abbia successo in tutto ciò che ha deciso di fare, ed ora è certamente sgomento che lo sforzo non ha avuto successo," John Foley ha aggiunto. 

Dettagli sono emerse anche sulla rete ombra delle carceri utilizzato per contenere gli ostaggi che si sono svolti in stretta vicinanza l'uno all'altro. Fox News ha appreso che dopo aver lasciato una prigione nel seminterrato dell'ospedale dei Bambini di Aleppo, nell'autunno del 2013, gli ostaggi sono stati spostati in una vicina zona industriale - prima ISIS li ha spostati di nuovo nei primi mesi del 2014 per la loro roccaforte di Raqqa, 

Fox News sta trattenendo alcuni dettagli della loro prigionia, nonché i nomi degli ostaggi - che non sono stati pubblicamente identificati da ISIS - su richiesta delle famiglie e il governo degli Stati Uniti. 

Fonte FoxNews.

la traduzione è mia, scusate eventuali errori. Riccarda Balla

0 commenti:

Posta un commento