BENVENUTI SU ITALIA-LIBERA

lunedì 24 novembre 2014

12enne gioca con una pistola finta,poliziotto gli spara e lo uccide A Cleveland, vittima un ragazzino afroamericano

A Cleveland...lunga scia di persone uccise...e  la tensione, la paura salgono...Tanto da sparare ed uccidere, perchè questa è stata la volontà, altrimenti non avrebbero mirato al corpo, un ragazzino "afroamericano", che brandiva una pistola giocattolo.
.In America i ragazzini che riescono ad uscire di casa armati e con armi vere, negli ultimi anni sono stati veramente tanti, facendo stragi, mi risulta per lo più bianchi, ma questo bambino a suo sfavore aveva anche il colore della pelle, quindi spari per ucciderlo..Il razzismo non si è mai spento, razzismo e xenofobia sono sempre forti cause di conflitto, quali strategie adottare per combattere questi fenomeni? La cultura non è stata sufficiente, non è bastata ieri ed oggi che la cultura è andata diminuendo i fenomeni si sono nuovamente accentuati.
Il razzismo è antico come l'uomo e nel corso della storia la maggior parte dei gruppi etnici ha cercato d'imporsi sugli altri, adducendo una presupposta superiorità della propria razza ed è stata l'arma o l'alibi per il perseguimento di interessi economici e politici.
Si  dà per scontato che la maggior parte dei pregiudizi "razziali" siano derivati da delle differenze costituzionali, e quindi basandosi su questa falsa teoria si arriva a pensare che le differenze non sono superabili, dimenticandosi di ragionare sul semplice fatto che la differenza potresti essere tu a farla!
Il razzismo fondamentalmente non è che un di sentimento negativo verso una parte del proprio prossimo, spinto da un eccessivo culto di se stessi, una bieca presunzione ed un'ignoranza non solo scientifica ma anche storica. Ci sentiamo "più" perchè più ricchi...o perchè siamo stati cosi bravi da impoverirli con la scusa di un falso aiuto? Ci sentiamo "più"....perchè? ve lo siete mai chiesto che cosa abbiamo in più? Io credo che sentirei blaterale scemenze....ma in realtà, nessuno ha la risposta, perchè non siamo "più"....le persone uccise, torturate...sono in numero impressionante in tutto il mondo, e l'America, la grande America bianca, credo che abbia sulla coscienza un numero enorme di vittime di atteggiamenti razzisti ogni anno nel suo vasto territorio...e poi quando con la scusa di intervenire per portare la pace...continua con la sua carneficina...parliamoci chiaro... In Europa, che sembrava fosse un atteggiamento riservato a pochi imbecilli, si sta risvegliando in grande stile, se di stile si può chiamare l'atteggiamento nazista, dovuto ad una reazione nei confronti dei forti flussi migratori che sperano di trovare una vita migliore. 
Oggi, più di ieri, sembra che la percezione della diversità tra le varie popolazioni mondiali sia connessa principalmente allo stile di vita e alla cultura in generale, non si capisce perchè il nostro stile o la nostra cultura siano migliori dei loro, visto il ripresentarsi di gruppi con svastiche. Capisco e comprendo che queste numerose culture, lingue, abitudini possano creare un pò di destabilizzazione, sopratutto se, come l'Italia assolutamente impreparata, essendo noi storicamente migranti con valigia di cartone. 
“Se dovessimo svegliarci una mattina e scoprire che tutti sono della stessa razza, credo e colore, troveremmo qualche altra causa di pregiudizio entro mezzogiorno.” G. D. Aiken.
Riccarda Balla 

0 commenti:

Posta un commento